Croazia: le spiagge naturiste dell’isola di Rab

L’isola di Rab si trova in Croazia e precisamente nella regione del Quarnaro, a circa 180 km dal confine italiano. Si raggiunge dalla terraferma con un traghetto che parte da Jablanac e arriva, dopo una quindicina di minuti, nel porticciolo di Misniak.
Rab ha una superficie di poco meno di 100 km quadrati e non ci vuole molto tempo per attraversarla tutta in auto. Sbarcati dal traghetto, si attraversa per qualche chilometro una zona di rocce spoglie, coperte qua e là da macchie di erbe selvatiche profumate. Proseguendo sulla strada asfaltata e oltrepassati un paio di centri abitati, si arriva dopo una quindicina di chilometri alla cittadina di Rab, il centro dell’isola. Da qui, passando attraverso la pianura interna di Mundanje si giunge a Supetarka Draga, una bella baia dove è presente un attrezzato marina. Ancora pochi chilometri e si arriva all’altra estremità dell’isola, il porto di Lopar e la zona di San Marino che è in assoluto l’area a maggior concentrazione turistica. A San Marino c’è una lunga e ampia spiaggia di sabbia fine, molto rara in Croazia.

Proclamata stazione balneare e di cura già nel 1889, Rab ha una vocazione turistica antica. Ed è stata una delle prime località al mondo ad ufficializzare la pratica del naturismo: una tradizione che risale ufficialmente all’agosto del 1936, quando le autorità del paese autorizzarono il Re inglese Eduardo VIII a praticare il naturismo nella baia di Kandarola. Tuttavia, anche se la nascita del naturismo a Rab viene fatta coincidere con questa data, ci sono fonti che parlano delle prime spiagge naturiste fin dall’inizio del 900.
Oggi sull’isola ci sono almeno quattro spiagge dichiarate naturiste, segnalate con la sigla FKK (dal tedesco Frei Körper Kultur, cultura del corpo libero). Di queste, tre si trovano nella penisola di Lopar (Ciganga, Sahara e Stolac), la quarta, Kandarola, è invece nell’area di Suha Punta.
Il naturismo è comunque praticato in molte altre spiagge e calette di Rab, soprattutto a Pudarica.

Ciganka
E’ una spiaggia a cui si accede facilmente anche in auto, percorrendo una stradina asfaltata che si prende nei pressi del ristorante Madonna, vicino al porto di Lopar. La spiaggia naturista FKK Ciganka | © WayPoint
Dopo un chilometro si trovano i cartelli che indicano le diverse spiagge dell’area: dovete girare a sinistra, prendere una strada bianca, che in alcuni tratti è piuttosto dissestata, e proseguire fino a trovare un cartello con l’indicazione Ciganka FKK allowed. Qui si lascia l’auto e si prende un sentiero, che in pochi minuti porta alla spiaggia. Oltre alla parte centrale, ampia e sabbiosa, ci si può sistemare in diverse altre piccole insenature e calette facilmente accessibili. La spiaggia di Ciganga è dichiarata FKK ma è frequentata anche da molti bagnanti tessili.

Sahara
Per arrivare alla spiaggia Sahara si parte dalla stessa stradina che porta a Ciganga, proseguendo però sulla strada asfaltata fino ad arrivare in cima alla collina nei pressi di un gruppo di case.La spiaggia naturista FKK Sahara
Qui si parcheggia e si prosegue a piedi per circa venti minuti lungo un sentiero ombreggiato, che negli ultimi 500 metri diventa abbastanza scosceso. La spiaggia è sabbiosa e molto ampia, a forma semicircolare e con un fondale che digrada lentamente. La spiaggia è molto conosciuta tra i naturisti ma come Ciganga è frequentata anche da bagnanti tessili, soprattutto tra luglio e agosto.

Stolac
Si raggiunge facilmente in auto con una strada che parte dalla zona degli alberghi di San Marino; terminata la strada, si prosegue a piedi percorrendo un facile sentiero che porta alla spiaggia in pochi minuti.
In alternativa ci si può arrivare con un taxi boat, partendo da San Marino. .La spiaggia naturista FKK Stolac
A Stolac ci sono due baie principali ed alcune calette nascoste tra gli scogli; di fronte c’è un isolotto raggiungibile anche camminando nell’acqua, bassa e trasparente. La presenza di bagnanti tessili è piuttosto limitata anche nell’alta stagione.

Kandarola
Prendete la strada che porta agli alberghi di Suha Punta. All’incrocio con la strada che attraversa la penisola di Kalifront, c’è un parcheggio dove si lascia l’auto (15 kune); da qui si prosegue a piedi su una stradina bianca, tutta in pianura, lunga circa 1,4 km.La spiaggia naturista FKK Kandarola
Kandalora è l’unica spiaggia FKK attrezzata di Rab, dotata di lettini e docce, perciò si pagano 10 kune a persona per l’ingresso. La costa è tutta rocciosa; ci si può sistemare sugli scogli o sulle spianate sotto gli alberi che arrivano fino al mare. Solo nella baia principale, molto bella, c’è una spiaggia di ciottoli. La presenza di bagnati tessili è praticamente nulla.

Pudarica
Pur non essendo una spiaggia FKK ufficiale è molto frequentata dai naturisti. Si trova tra il porticciolo di Pudarica e l’abitato di Barbat ed è formata da piccole insenature sabbiose.
La spiaggia naturista FKK Pudarica
Per raggiungerla si parcheggia sulla strada principale e si prosegue a piedi prendendo uno dei sentieri che in pochi minuti portano al mare.

Per altre informazioni ed offerte di viaggio: Isola di Rab

Questo post è stato letto 4606 volte

Aggiungi un commento

I commenti devono essere approvati da un amministratore prima di essere pubblicati.

Blue Captcha Image
Aggiornare

*