Irlanda del Nord: sulle tracce di San Patrizio

Irlanda, terra di Santi e Scolari, recita un vecchio detto. E tra i Santi il più famoso è senza dubbio San Patrizio. Ogni anno il 17 marzo in tutte le città del mondo dove sono presenti comunità irlandesi si assiste a grandi parate in onore di San Patrizio. Ma nessuna celebrazione è paragonabile a quel che si fa nella terra dove tutto è cominciato: l’Irlanda appunto.

Il festival di San Patrizio attrae ogni anno più di un milione di visitatori. Quest’anno poi, che i festeggiamenti coincidono con il ponte pre-primaverile per la festa nazionale dedicata ai 150 anni dell’unità d’Italia, cresce la voglia di fare un viaggio in Irlanda proprio in questo periodo.
Nella settimana che va dal 13 al 20 marzo l’isola propone un ricco calendario di eventi e spettacoli per celebrare al meglio la musica, la cultura e le tradizioni irlandesi. Il clou del divertimento è nelle strade di Dublino dove si svolge, tra l’altro, la grande parata del 17 marzo, un festoso corteo verde lungo 3 km, animato da bande musicali provenienti dall’Irlanda e da tutto il mondo. Il pomeriggio del 16 marzo migliaia di persone si buttano nella mischia a St. Stephen’s Green, celebre parco della capitale eletto location del Céilí, il festival di musica e danze popolari irlandesi.
Tappe immancabili a Dublino il Temple Bar, animato e colorato quartiere sul Liffley, e la Guinness Shorehouse, tempio della famosa birra simboleggiata dall’arpa celtica.

L’atmosfera di festa è coinvolgente tanto a Dublino quanto nel resto d’Irlanda: Cork, Limerick, Sligo, Wexford, ognuna di queste città organizza sfilate, concerti rock, fuochi artificiali, spettacoli di strada e di puro divertimento, conditi da fiumi di birra. E non è da meno l’Irlanda del Nord: anche Belfast ha la sua tradizionale parata del 17 marzo, un vivace Carnevale di strada che si chiude con un grande concerto gratuito di musica pop e tradizionale.

Ma sono le contee di ArmaghDown ad avere i più forti legami con San Patrizio. Queste terre, dove il santo giunse da schiavo verso il 400 d.C. per poi dedicarsi alla missione di convertire i Celti al cristianesimo, offrono paesaggi naturali aspri ma dal fascino straordinario, graziosi porti di pesca, cittadine eleganti e maestose cattedrali.
Per ripercorrere le tracce lasciate dal santo si può seguire l’itinerario classico, il Saint Patrick’s Trail, che si snoda per circa 150 km da Bangor alla città di Armagh, passando per DownPatrick, dove si trova l’unica esposizione permanente al mondo dedicata alla vita del Patrono d’Irlanda, il Saint Patrick Centre. Oppure si può vagabondare nelle campagne più verdi d’Europa a caccia di antichi monasteri, chiesette in pietra, croci celtiche. La festa di San Patrizio preannuncia l’inizio della primavera, la stagione più affascinante per visitare una terra accogliente, ricca di storia e contaminata da mille leggende.
Fino al 31 maggio 2011 la compagnia di bandiera Aer Lingus offre voli diretti dall’Italia a tariffe scontatissime.
Info su:

Questo post è stato letto 568 volte

Aggiungi un commento

I commenti devono essere approvati da un amministratore prima di essere pubblicati.

Blue Captcha Image
Aggiornare

*