L’ABC di Istanbul

Se c’è un luogo esotico e romantico ma non troppo lontano da casa questo è Istanbul. E se c’è un tempo giusto per visitare la Porta d’Oriente è adesso: temperature piacevoli, mai troppo caldo di giorno e più fresco di sera, caratterizzano le giornate di settembre e ottobre, mesi ideali per girare in città senza quella sofferenza fisica che ti prende d’estate a causa dell’afa.

Misurarsi con Istanbul, una megalopoli sconfinata e tentacolare che si estende sulle due rive del Bosforo, a cavallo di due continenti, richiede quel minimo di pianificazione necessaria per sfruttare appieno i giorni di vacanza, senza perdersi quanto di più interessante c’è da vedere. Missione non facile, perché a Istanbul c’è tanto da fare e tanto da visitare. Ed è vietato correre e affannarsi, meglio piuttosto fermarsi e curiosare.

I luoghi che raccontano la storia di tre imperi, romano, bizantino e ottomano, sono a poche centinaia di metri l’uno dall’altro, nel cuore della città vecchia.
Bisognerebbe dedicare almeno un giorno intero a questa zona che racchiude, nel raggio di poche centinaia di metri, due dei più famosi edifici religiosi del mondo: Aya Sofya e la Moschea Blu. La prima, simbolo della cristianità fino alla caduta di Costantinopoli, fu trasformata in moschea e dal XV secolo in poi è stata il luogo sacro per i devoti musulmani; oggi questa maestosa opera architettonica, che ospita al suo interno preziosi mosaici di epoca bizantina, è un museo aperto tutti i giorni tranne il lunedì.
A pochi passi da Aya Sofya (Santa Sofia), riconoscibile per la sua immensa cupola color mattone, si scorge l’affascinante profilo della Moschea Blu, che vanta ben sei minareti e un susseguirsi di cupole i cui soffitti sono rivestiti con piastrelle in ceramica di Iznik, decorate in toni che vanno dal blu al turchese. La Moschea Blu è chiusa ai turisti nelle ore dedicate alla preghiera.
Sempre in zona, un’altra opera architettonica che merita una visita è la Cisterna Basilica, risalente al periodo bizantino; nei sotterranei di Istanbul ci sono diversi serbatoi d’acqua sotterranei, sorti per sopperire alla mancanza d’acqua in caso d’assedio, ma questa cisterna, con le sue 336 colonne scenograficamente illuminate è senz’altro la più suggestiva.

La visita al palazzo Topkapi, tra il Corno d’Oro e il mar di Marmara, richiede un’altra mezza giornata, cercando di arrivare presto al mattino quando la sontuosa residenza dei sultani non è ancora assalita da folle di turisti. Imperdibili l’harem, che all’epoca ospitava gli appartamenti privati del sultano e dei suoi dignitari, e le stanze del tesoro imperiale che custodiscono oggetti preziosi, tra cui il famoso diamante grosso come un uovo di gallina che ha ispirato libri e film.

Dopo la visita al palazzo dei sultani non resta che tuffarsi nel carosello di folla che anima a qualsiasi ora il Gran Bazar (Kapali Carsi in turco). Gioielli, tappeti, ceramiche, oggetti di rame e ottone, articoli in pelle: ad ogni categoria merceologica corrisponde un’area di questo immenso mercato, perché un tempo ogni mestiere aveva un proprio quartiere. Gli oggetti di maggior valore si trovano al centro della grande sala a cupola di Cevahir Bedesten, ma non sarà difficile fare acquisti di ogni tipo nelle tremila ed oltre botteghe aperte sui vicoli, che si snodano nel caravanserraglio su una superficie di 31 mila metri quadrati.
Il bazar egiziano a Eminönü è invece dedicato alle spezie: cannella, cumino, zafferano e tutte le erbe e spezie immaginabili, frutta secca e dolci disposti sui banchi riempiono l’aria con il loro profumo seducente. Al mercato del pesce a Galata, si va invece per mangiare rustici piatti a base di frutti di mare.

Come non regalarsi poi un’ora di meritato relax nel più famoso hamam di Istanbul? Il Cagaloglu, aperto tutti i giorni dalle 8 alle 22 per gli uomini e dalle 8 alle 20 per le donne, ha più di trecento anni ed è stato in parte riadattato per accogliere i turisti occidentali, ma resta comunque un luogo particolare e ricco di fascino.

Se il tempo non fosse tiranno e la vacanza potesse proseguire, un giro per Çukurcuma, il quartiere degli antiquari e dei rigattieri nella Istanbul europea di Beyoğlu, sarebbe un’esperienza da non perdere.
Così come è difficile rinunciare al Bosforo visto dal mare, a bordo di uno dei tanti battelli che solcano queste trafficatissime acque. E per una vista della città di quelle da togliere il fiato, il bar del 360 Istanbul è il posto giusto per prendere un drink, magari al tramonto.

Istanbul non è una destinazione costosa, è facile trovare pacchetti volo e alloggio per una settimana intorno ai 400€ e anche meno. Chi vuole organizzare un viaggio fai da te può usufruire dei frequenti voli diretti da Roma mentre con Hotels.com è possibile prenotare alberghi economici a partire da 36 € al giorno/camera.

Per chi, invece, vuole passare una settimana a Istanbul all’insegna del massimo confort e lusso, consigliamo il Marmara Taksim, un hotel 5 stelle situato nella piazza Taksim centro d’affari, shopping e divertimento. Oltre alle camere accoglienti e graziosamente decorate, l’hotel offre una bellissima SPA e, per i patiti della forma fisica, un’attrezzatissima sala Gym. Dall’albergo si gode una bellissima vista sul Bosforo.  Expedia propone un pacchetto con volo diretto da Roma ed un soggiorno di 7 notti in questo hotel a partire da 1092€ a persona.  E’ possibile partire anche da altri aeroporti.

Questo post è stato letto 490 volte

Aggiungi un commento

I commenti devono essere approvati da un amministratore prima di essere pubblicati.

Blue Captcha Image
Aggiornare

*