Da Accor il Wi-Fi è gratuito

Se c’è una cosa che dà veramente fastidio quando siamo in hotel è dover pagare un extra per avere il collegamento internet in camera. Un sondaggio condotto dal gruppo Accor rivela che l’accesso gratuito alla rete è uno dei principali fattori che incidono sulla scelta di un albergo.
Detto fatto. Accor, che gestisce più di 4.400 hotel in tutto il mondo, ha deciso che l’odioso balzello non si pagherà più.

Si spera ora che la mossa del gruppo francese, cui appartengono Novotel, Ibis e Mercure ma anche i più lussuosi alberghi e resort Sofitel e Pullman, venga imitata da altre grandi catene alberghiere.

E’ vero che grazie ai punti di accesso Wi-Fi disponibili nelle caffetterie, librerie e altri esercizi commerciali si naviga gratis in un mucchio di posti, specialmente in città. Ma forse è proprio per questo che il cliente di un qualsiasi albergo si aspetta di poter controllare la posta anche in camera. O perlomeno di non dover pagare cifre spropositate per un servizio dai costi reali molti bassi.

Invece il settore alberghiero rimane restio ad adottare la formula dell’internet free. Due terzi degli hotel di tutto il mondo fanno pagare l’accesso alla rete, applicando le tariffe più varie, rivela una ricerca del Telegraph.
Si arriva a richieste assurde, come quella di alcuni hotel che pretendono dai loro ospiti 10€ per un’ora di collegamento. E non è il solo caso, ma un fenomeno purtroppo diffuso specialmente nelle strutture di alta categoria.

L’anno scorso l’appello era arrivato da Wired, il magazine di tecnologia e tendenze che invitava i viaggiatori a boicottare gli hotel che facevano pagare internet. Oggi Accor ha fatto il primo passo, aspettiamo che si adeguino gli altri.

Questo post è stato letto 519 volte

Aggiungi un commento

I commenti devono essere approvati da un amministratore prima di essere pubblicati.

Blue Captcha Image
Aggiornare

*