RSS Feed for AfricaAfrica

I nuovi voli per il Togo di TAP Portugal

TAP Portugal si avvia, anche quest’anno, ad essere insignita del premio come Compagnia Aerea Leader Europea per l’Africa.

Infatti oltre ai già annunciati voli per la capitale economica della Costa d’Avorio, Abidjan, dal prossimo 17 luglio l’offerta TAP per l’Africa si amplia con 4 voli settimanali per Lomè, in Togo.
I voli saranno effettuati il lunedì’, mercoledì, venerdì e domenica con partenza da Lisbona nel pomeriggio e ritorno da Lomè nella tarda serata e saranno operati con un Airbus A320 da 165 passeggeri

TAP Portugal voli per Togo

L’aggiunta di Lomé rafforza la posizione strategica di TAP in Africa. Con l’operativo estivo 2017 la capacità di trasporto passeggeri di TAP verso il continente aumenterà di circa il 20%, mentre il numero di voli del 22%, rispetto allo stesso periodo del 2016”, ha dichiarato Araci Coimbra, Global Leisure Manager e Area Manager South and West Europe, nonché General Manager TAP Portugal in Italia e Grecia.

E’ già possibile prenotare i voli con tariffe promozionali anche con partenze da Roma, Milano Bologna e Venezia città che la TAP collega con Lisbona più volte a settimana.

La TAP Portugal è una storica compagnia aerea europea, fondata nel 1945, leader in particolare per i collegameni dall’Europa con l’Africa e il Sud America. Ha una flotta di 77 aereomobili con la quale collega 88 destinazioni in 38 Nazioni. Recentemente i lettori della prestigiosa rivista di viaggi americana Global Traveller hanno assegnato alla TAP portugal il titolo di “Best Airline in Europe”.

Da luglio i nuovi voli TAP Portugal per la Costa D’Avorio.

Roma, 8 febbraio 2017 – Dal prossimo 17 luglio TAP Portugal, vettore membro di Star Alliance, arricchirà la sua offerta per l’Africa inaugurando un nuovo collegamento per Abidjan, la capitale economica della Costa D’Avorio. aereo TAP - nuovi voli per l'AfricaCinque le frequenze settimanali proposte dal vettore portoghese, che diventeranno quattro nel periodo invernale. Già da ora è possibile effettuare le prenotazioni per partenze da Roma, Milano, Bologna e Venezia e volando via l’hub di Lisbona.

Rotta
Frequenza Orario (local time)
Lisbona–Abidjan
————————–
Abidjan-Lisbona
lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato 17:25–22:00
——————–
23:00–05:20

Grazie a questo nuovo collegamento TAP servirà ben 15 destinazioni in 10 Paesi africani, operando oltre 75 voli a settimana: Algeri (Algeria), Luanda (Angola), Accra (Ghana), Praia, Sal, São Vicente e Boa Vista (Capo Verde), Maputo (Mozambico), Dakar (Senegal), Casablanca, Marrakech e Tangeri (Marocco), São Tomé (São Tomé e Principe), Bissau (Guinea Bissau) e dal 17 luglio anche Abidjan in Costa D’Avorio. L’aeroporto internazionale di Abidjan registra un traffico di due milioni di passeggeri annui, con possibilità di connessione verso 35 destinazioni aggiuntive soprattutto in Africa e in Medio Oriente.

“Negli ultimi anni abbiamo notevolmente rafforzato la presenza in Africa mettendo a disposizione dei passeggeri sempre più opportunità di viaggio e l’aggiunta di Abidjan consoliderà ulteriormente la nostra posizione strategica nel continente. In generale TAP non solo sta crescendo molto in termini di network ma è attenta alle necessità dei propri passeggeri, ottimizzando sempre più il servizio. Questo ci è per esempio valso 3 premi agli ultimi WTA, fra cui il titolo di Compagnia Aerea Leader per l’Africa vinto negli ultimi 2 anni consecutivamente”, ha dichiarato Araci Coimbra, Director Global Leisure Sales and South&West European Markets di TAP Portugal.

L’alto livello di soddisfazione dei clienti ha decretato, inoltre, il posizionamento di TAP fra le prime dieci migliori compagnie aeree del mondo, secondo la classifica 2016 pubblicata in questi giorni da eDreams*. “Questo riconoscimento internazionale è stato assegnato proprio dai passeggeri, la cui opinione è per noi estremamente importante”, ha continuato Araci Coimbra.

Di recente TAP Portugal ha investito nella creazione di una nuova piattaforma per le prenotazioni e nel rinnovo della propria flotta. Contemporaneamente ha, inoltre, ottimizzato i propri prodotti e servizi e migliorato il comfort di bordo, offrendo allo stesso tempo prezzi sempre più competitivi e una scelta di viaggio ancora più ampia.

Comunicato stampa  TT&A – Ufficio Stampa TAP Portugal – (Stefania Bambini / Diana Guarnieri)

Nessun rincaro sul visto d’ingresso per l’Egitto, ma i dubbi rimangono

Non ci saranno ulteriori balzelli per chi ha deciso di andare in vacanza in Mar Rosso. Dal Ministero del Turismo egiziano si apprende che il previsto aumento del visto d’ingresso turistico è stato rimandato a data da definire. La decisione non sorprende visti gli ultimi, drammatici sconvolgimenti politici e lo stato di guerra civile che hanno insanguinato Il Cairo.

Il costo del visto d’ingresso resta quindi invariato: si pagano 15 dollari e non 25, come precedentemente annunciato. Una buona notizia, ma è solo una goccia in quel mare di guai in cui sta annegando il paese nordafricano. Di certo non farà cambiare idea a chi ha già deciso di disertare la destinazione per problemi di sicurezza.

Ma come stanno le cose? Partire o non partire? Che rischi si corrono? Nella capitale egiziana e in altre 14 provincie egiziane (oggi governatorati) vige tuttora lo stato di emergenza; è in vigore anche il coprifuoco quindi recarsi in queste zone vuol dire mettere effettivamente a rischio la propria sicurezza.
Invece, nelle località vacanziere sul mar Rosso – Sharm, Hurgada e ancora più a sud, Marsa Alam e Berenice – non si sono verificati incidenti e la situazione rimane tranquilla.

Ciò nonostante, la Farnesina sconsiglia i viaggi in Egitto. Non soltanto al Cairo ma in tutto il paese, è scritto in grassetto sull’ultimo avviso del portale Viaggiare sicuri. Ai connazionali presenti in Mar Rosso il nostro Ministero degli Esteri raccomanda di restare in hotel rinunciando alle escursioni. Non che sul Mar Rosso ci sia molto da fare fuori dal villaggi, ma tant’è…

Lo sconsiglio dell’Italia è stato seguito anche da Francia e Spagna. Meno prudenti sembrano essere invece i governi di altri paesi europei. Luce verde infatti per i turisti inglesi, tedeschi e olandesi, che a quanto pare, possono andare in Mar Rosso a godersi, senza troppe remore, il tiepido sole autunnale e le bellezze della barriera corallina egiziana.

A questo punto che dire, la scelta di partire o non partire sta a ciascuno di noi. Il consiglio per chi volesse comunque andare una settimana o due in Mar Rosso è di valutare con attenzione le offerte e muoversi con un certo anticipo. Alcuni operatori turistici (Swan, Alpitour, Veratour) non ripartiranno prima di metà novembre, altri invece (Phone&Go) viaggiano a charter pieni.
La situazione è comunque in continua evoluzione, meglio tenersi informati su date e partenze ma, soprattutto, su ciò che accade in Egitto.

Imprevisti fortunati di viaggio

Una volta tanto gli imprevisti di viaggio potrebbero essere il segno della fortuna.
Fino al 30 settembre, infatti, sarà attivo un concorso realizzato da Allianz Global Assistancededicato proprio agli inconvenienti che possono capitare durante le vacanze. Per partecipare al concorso basterà condividere sul web, in foto o in video, le proprie disavventure. I contributi condivisi saranno votati dagli utenti del sito e il vincitore riceverà in premio una vacanza in Polinesia. Inoltre tra tutti i partecipanti sarà estratta a sorte una vacanza a Zanzibar. Per coloro che, invece, avranno votato le foto o i video sono in palio biglietti aerei verso le capitali europee.

Ma se preferite cercare di evitare i possibili imprevisti che possono occorrere durante un viaggio, soprattutto all’estero, e scongiurare disagi e spese inattese, ci sono disponibili anche on line numerose polizze assicurative viaggio tra cui scegliere la più adatta a voi.

Giza: la Piramide di Chefren torna ad affascinare il mondo

Riapre al pubblico dopo un lungo restauro uno dei più grandi monumenti dell’antico Egitto: la piramide di Chefren. Fu costruita come tomba per il faraone Chefren ed è la seconda di Giza per dimensioni, anche se in realtà appare più alta della grande piramide di Cheope.
La sua scoperta e quella di altre tombe dell’altopiano di Giza risale al 1927 e si deve all’egittologo americano George Reinser.

La piramide di Chefren ha più di duemila anni, ma non li dimostra: basta ammirare i suoi interni, ancora intatti. Ma il vapore prodotto dal respiro di migliaia e migliaia di turisti nelle anguste gallerie aveva a lungo andare danneggiato questo prezioso tesoro storico. Il suggestivo monumento è stato quindi chiuso al pubblico in diverse altre occasioni in passato.
Finalmente il programma di restauro è stato portato a termine e la piramide di Chefren può riaprire al pubblico, insieme alla tomba della regina Meresankh III, moglie di Chefren. E’ prevista inoltre l’apertura nei prossimi mesi di altri sei luoghi di interesse storico.

Molti turisti sono comprensibilmente preoccupati che l’Egitto sia ancora una destinazione poco sicura; ma come ha voluto sottolineare il ministro delle antichità Muhammad Ibrahim, è passato un anno dalle rivolte del Cairo e dalle scene di violenza che hanno avuto come teatro piazza Tahrir, e ora l’Egitto è un paese sicuro, che può accogliere turisti da tutto il mondo.

Con Magico Kenya si vince un safari

Una natura grandiosa e primordiale, paesaggi sconfinati e mandrie oceaniche di zebre, antilopi, bufali, gnu e giraffe, sorvegliati a vista dai grandi felini. E poi lunghe spiagge bianchissime costellate di palme e servizi di buon livello, per riposarsi dopo una settimana di safari. Questo è il Kenya, e questo è il periodo migliore per visitarlo: da luglio ad ottobre le piogge sono rare, l’aria è più asciutta e il caldo si sopporta meglio.
Lastminute.com ha creato di recente un mini-sito con tutte le migliori offerte relative a viaggi, voli e soggiorni in Kenya. E, con l’occasione, ha lanciato in collaborazione con l’ente del turismo del Kenya un gioco concorso con in palio un viaggio safari di 9 giorni/7 notti per 2 persone.

Partecipare è facile è non comporta alcun obbligo di acquisto. Basta andare su Kenya Magia d’Africa, rispondere a un quiz composto da 5 facili domande e compilare un modulo con i propri dati (nome, cognome, email). I quesiti riguardano il territorio, i parchi, le tradizioni locali; in ogni caso, non è necessario essere esperti perché, indipendentemente dall’esito delle risposte, tutti gli utenti registrati entro il 31 luglio 2011 parteciperanno all’estrazione finale.

Il fortunato vincitore riceverà 2 biglietti aerei A/R da Roma operati da Kenya Airways, trasferimento dall’aeroporto di Nairobi all’Hotel 4* di Nairobi, 8 giorni di safari con trattamento di pensione completa in lodge o campi tendati 4*, assicurazione medica & bagaglio.
Altri giochi e concorsi per vincere un viaggio su Paesitropicali.com

Promozione SNAV: catamarani per la Croazia e aliscafi per le Eolie scontati del 15%

Buone notizie per chi ha scelto le isole Eolie, le Pontine o la Croazia per le prossime vacanze: prenotando con SNAV fino al 20 giugno 2011 si usufruisce di uno sconto del 15% sulle tariffe di catamarani veloci e aliscafi.

Le destinazioni croate servite da SNAV sono Ancona-Spalato e Pescara-Hvar-Spalato, quest’ultima operativa dal 23 luglio ma prenotabile fin d’ora.
Per beneficiare della promozione basta collegarsi al sito web della compagnia di navigazionewww.snav.it e selezionare, nel pannello di prenotazione in alto a sinistra, porto di partenza e di destinazione, data del viaggio, numero di passeggeri ed eventualmente auto al seguito.

Nella prima schermata apparirà il calendario delle partenze vicine alla data scelta, con le tariffe indicate a fianco; se avete un minimo di flessibilità, il prezzo migliore è segnalato in rosso, basta un colpo d’occhio per vedere in quali giorni è più conveniente partire.
Una volta selezionata la data si passa alla seconda schermata, quella che consente di scegliere la sistemazione. A bordo dei catamarani veloci SNAV diretti in Croazia l’unica sistemazione possibile è la poltrona, d’altronde la traversata dura 4-5 ore. Nella stessa schermata dovranno essere indicati la tipologia del veicolo, eventuali animali domestici al seguito o bagagli extra. A destra, nel riepilogo della prenotazione, è indicata la tariffa totale.
Passando alla terza schermata, attenzione a non mancare il passaggio più importante, quello che consente di usufruire dello sconto. A seconda della tratta si possono prenotare diversi servizi aggiuntivi, che vanno dal pasto al self service, al bus per raggiungere il porto di partenza, alla polizza di annullamento viaggi.
Solo in fondo alla pagina trovate la voce “Convenzioni”: selezionate dal menu a tendina PROMO LIKER, inserite il codice LKR612 e cliccate su aggiorna per vedere applicato nel riepilogo prenotazione lo sconto del 15% sulla vostra tariffa.
A questo punto potete proseguire e procedere con l’acquisto del biglietto.

Oltre ai catamarani veloci per la Croazia, la promozione SNAV è valida per gli aliscafi diretti a Ponza e in una qualsiasi isola dell’arcipelago delle Eolie (Lipari, Salina, Stromboli, Panarea e Vulcano).

Se cercate una destinazione in Croazia per le prossime vacanze vi consigliamo l’Isola di Rab.

Vacanze in Croazia

Nuovi voli Emirates per le Seychelles

La compagnia aerea Emirates, di recente eletta “Airline of the Year 2011′ per il forte impegno dedicato alla sicurezza e all’eccellenza operativa, introduce altri tre voli settimanali sulla rotta Dubai-Mahè.
Dal 28 marzo 2011 i voli settimanali per le isole Seychelles passeranno da sette a dieci: un incremento importante, che offrirà maggiore flessibilità anche ai viaggiatori italiani che intendono partire per un vacanza da sogno in questo splendido arcipelago.

Secondo quanto si apprende da un comunicato dell’ufficio turistico delle Seychelles, i nuovi voli saranno introdotti in occasione del lancio della campagna “Connettiamo il mondo con le Seychelles”, che tra le tante attività di marketing comprende, tra l’altro, pacchetti speciali per viaggi nelle isole.

Emirates si conferma ancora una volta una delle compagnie aeree più dinamiche del momento, capace di offrire tariffe competitive e un elevato livello di comfort anche ai passeggeri che viaggiano in classe economica. Non a caso Dubai si è trasformato in un hub di livello mondiale.

Le Seychelles, un paradiso di oltre 100 isole sparse nell’oceano Indiano, possono vantare alcuni tra i paesaggi più suggestivi e più fotografati al mondo: spettacolari anse di sabbia bianca, lagune trasparenti e massi di granito fanno da contraltare ad una vegetazione tropicale lussureggiante.

Le temperature medie oscillano tra 24° e 30°; le piogge sono più frequenti da dicembre a fine marzo, ma lasciano presto il posto a schiarite. I mesi meno piovosi sono invece giugno, luglio e agosto. Aprile e maggio sono particolarmente indicati per una vacanza alle Seychelles: il tempo è soleggiato e asciutto e il mare calmo e limpido, ideale per praticare lo snorkeling e fare immersioni.

zx_it_destination3_468x60

Luxor: Valle dei Re o Valle delle Copie?

Le antiche tombe faraoniche, compresa quella di Tutankhamon, si sono conservate per millenni e hanno incantato milioni di turisti. Ora però basta, alcune tra le più belle opere architettoniche delle Valle dei Re stanno per chiudere le porte ai visitatori; chi andrà a Luxor nei prossimi mesi dovrà accontentarsi delle riproduzioni, alle quali un team di esperti sta già lavorando.

Lo ha annunciato qualche giorno fa Zahi Hawass, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egizie, spiegando che se non si interviene le preziose tombe rischiano di andare completamente distrutte nel giro di 200 anni, a causa “del respiro e del sudore” dei turisti.
L’unico modo per proteggere un patrimonio unico al mondo è quello di vietare le visite: questa è la conclusione a cui sono giunti gli esperti, dopo aver rilevato un progressivo stato di deterioramento dei reperti.

Rientra nel progetto di chiusura la tomba di Tutankhamon (1361-1352 aC), scoperta praticamente intatta nel 1922 e tra tutte quella meglio conservata; sono invece giù chiuse ai turisti le tombe di Seti I, padre di Ramses II (1314 e 1304 aC), e quella della regina Nefertari, moglie di Ramses II, che si trova poco più a sud, nella Valle delle Regine.

Un gruppo di esperti intanto è al lavoro per realizzare al più presto le “copie”: utilizzano raggi laser e tutte le tecnologie più moderne per catturare le decorazioni e i dipinti che adornano le pareti delle tre tombe, per poterle poi ripetere fedelmente.

A lavori terminati, le riproduzioni saranno collocate nello stesso sito degli originali, sulla riva occidentale del Nilo.
E questo è solo l’inizio, perché il progetto prevede la chiusura e la riproduzione fedele di molti altri preziosi reperti archeologici.
La Valle dei Re rischia di diventare la Valle delle Riproduzioni? Gli scettici l’hanno già battezzata così. Ma come ha detto qualcun altro, proteggere il patrimonio storico è più importante del turismo.

Partire con i saldi del dopo-feste: al caldo spendendo meno

Le vacanze sono finite, è ora di partire. Già, perché chi può permettersi di prendere ferie fuori dai periodi canonici, prenota e parte quando gli aeroporti non sono congestionati, le strutture turistiche meno affollate e tutti gli operatori si contendono i turisti a suon di sconti e offerte vantaggiose.

Dopo un Natale passato a casa, complice quest’anno un calendario poco favorevole a ponti e lunghi periodi di vacanza, in molti sognano le mete esotiche: quelle destinazioni inavvicinabili nel periodo festivo perché troppo care, diventano abbordabili tra gennaio e febbraio. Finalmente ci si può concedere lunghi bagni nelle calde acque tropicali e, perché no, anche qualche lusso in più.

Kenya il periodo giusto per trovare sole e tempo bello va da gennaio e marzo; poi comincerà la stagione delle lunghe piogge, che lascia spazio ad un altro periodo favorevole tra luglio e ottobre. I mesi di gennaio e febbraio sono i più asciutti e quindi ideali per una vacanza balneare sulle bianche spiagge del Kenya, che offrono acque calde protette dalla barriera corallina.

SheShe Baharini Beach Hotel è un resort 3 stelle superior, con camere ben arredate che affacciano direttamente sulla bellissima spiaggia di Tiwi, sulla costa meridionale del Kenya, ad un´ora e mezzo dall’aeroporto internazionale di Mombasa. E’ la scelta giusta per chi cerca pace, relax e una natura prorompente; la vita animata di Diani beach, con i suoi bar, ristoranti, casinò e campi da golf è a soli 20 muniti di navetta.

Per le partenze in gennaio (da Roma, Milano Bologna e Verona), il volo e un soggiorno 7 notti con pensione completa e bevande ai pasti, costa meno di 1.000 euro a persona.

A nord di Mombasa, una ventina di chilometri prima di Malindi, cittadina diventata meno attraente negli ultimi anni, c’è Watamu, una località turisticamente sviluppata, che vanta una spiaggia classificata tra le dieci più belle al mondo, le cui acque sono protette dal Watamu National Marine Park.

Partendo a cavallo tra gennaio e febbraio (da Milano e Roma), per il volo e un soggiorno di 7 notti all inclusive all’Aquarius Beach Resort, un 4 stelle a gestione italiana, si trovano tariffe a partire da 1.104€ a persona. La struttura su trova ad un paio d’ore dall’aeroporto internazionale di Mombasa e a mezzora d’auto da Malindi. Il volo dall’Italia è senza scalo e il viaggio dura circa 8 ore.

Sia da Diani che da Watamu non è difficile organizzare un safari di qualche giorno in uno dei tanti meravigliosi parchi del Kenya.

La Thailandia si è lasciata alle spalle le manifestazioni e gli scontri di piazza ed è tornata ad essere una destinazione sicura. Qui la stagione più piacevole va da dicembre a marzo, quando il monsone di nordest rinfresca l’aria e il cielo è di solito azzurro.

Bangkok con i suoi mille templi dorati è una città forse un po’ caotica ma ricca di fascino e luoghi d’interesse turistico. Dopo un paio di giorni in città, è meglio però scappare al mare e andare a rilassarsi sulle spiagge ombreggiate dalle palme da cocco. Un pacchetto che prevede 2 notti a Bangkok e 7 notti nell’isola di Koh Samui, un vero paradiso tropicale, costa intorno ai 1.500€ a persona, in hotel 4 stelle, inclusa la prima colazione. Offerta valida per le partenze di gennaio e febbraio da Roma e Milano.

Kenya o Thailandia sono troppo lontane? Scegliete allora le isole di Capo Verde, una meta che profuma di tropici ma dista poco più di 5 ore di volo dall’Italia

I paesaggi di Boavista sono spettacolari: circondata dalle acque blu dell’Atlantico, l’isola ha grandi dune di sabbia trasportata dalle coste africane e spiagge immense, dove vanno a nidificare le tartarughe caretta-caretta. La giornata si passa al mare, praticando tutti gli sport acquatici, in particolare windsurf, kitesurf e funboard; di sera la vita è molto animata nei localini di Sal Rei, il piccolo capoluogo dell’isola, dove si va a bere un cocktail ascoltando musica dal vivo. Che tempo fa a Capo Verde? Niente paura, nelle isole dell’eterna primavera il clima è piacevole e temperato dagli alisei tutto l’anno: 25° la temperatura media, sole garantito, piogge rarissime. Certo le acque dell’Atlantico non hanno temperature veramente tropicali, ma mica si può avere tutto.

In gennaio per il volo (da Milano e Verona) e un soggiorno di 7 notti al Marine Club Beach Resort, struttura 4 stelle in pietra affacciata sull’incantevole baia di Praia da Cruz, si trovano tariffe a partire da 873€ a persona, con trattamento all inclusive.

I prezzi indicati sopra si riferiscono alle offerte pubblicate da Expedia, uno dei leader mondiali del turismo on line, che da quest’anno ha adottato una politica dei prezzi più trasparente. Finalmente troviamo pubblicate sul sito di Expedia tariffe comprensive di tasse, iscrizioni ed eventuali spese accessorie . Finalmente possiamo confrontare i prezzi e le offerte dei vari operatori senza dover arrivare in fondo e scoprire, con disappunto, che il pacchetto proposto costava, tra un balzello e l’altro, diverse centinaia di euro in più di quello che pensavamo.

Se state pensando di andare ai Tropici nei prossimi mesi, cercate qualche spunto o un’idea di viaggio anche su “questo mese vado a…” la rubrica di  PaesiTropicali.com che propone per ogni periodo dell’anno le mete migliori dal punto di vista climatico.