RSS Feed for SloveniaSlovenia

Alle terme per le feste: Portorose

A Portorose il benessere viene dal mare. Qui sull’Adriatico sloveno, a una trentina di chilometri da Trieste, le alghe, il fango marino, la sabbia e l’Acqua Madre delle saline di Sicciole sono prodotti utilizzati da almeno un secolo nella terapia riabilitativa, in campo estetico e per combattere lo stress.
Ma il vero toccasana è l’effetto combinato delle acque e dei fanghi termominerali con il sole e lo iodio di questo magico litorale. Insomma qualche giorno a Portorose serve a ritemprare corpo e spirito. Anche a Capodanno.

Il centro wellness del Grand Hotel Portorose occupa 7.500 metri quadrati ed è aperto tutto l’anno. Il suo fiore all’occhiello è il Sauna Park, con sette diversi tipi di sauna e l’originalissima Grotta Gelata, una camera di ghiaccio in cui si entra dopo la sauna per cospargersi il corpo di neve. Il whirlpool caldo, la cromoterapia, le cascate massaggio e le piscine di acqua di mare riscaldata completano l’offerta. Ma per chi vuole ritagliarsi momenti di massimo relax c’è altro.
La spa Wai Thai applica la millenaria sapienza thailandese ai più moderni programmi benessere; il massaggio tradizionale agli oli essenziali e gli altri trattamenti sono eseguiti solo da professionisti thailandesi.

Durante le festività di Natale c’è un ricco programma di eventi, concerti e manifestazioni sia negli alberghi del litorale che in città; e la sera di san Silvestro tutti in piazza Tartini a Pirano, il piccolo borgo di mare a circa 3 km da Portorose. Da non perdere il suo centro storico, è uno dei più bei gioielli della costa adriatica slovena.

Le grotte di Postumia

In Slovenia, a poca distanza dal confine italiano, c’è un mondo sconosciuto che vi aspetta: le Grotte di Postumia. A partire dalla loro scoperta, nel 1818, queste misteriose grotte, create dall’instancabile lavorio delle acque che percolano tra le fessure delle rocce carsiche, hanno attirato sempre più visitatori. Ad oggi, infatti, sono quasi 34 milioni le persone che hanno potuto ammirare questa meraviglia della natura formata da passaggi, caverne e sale ornate da grandiose stalattiti e stalagmiti dalle forme più strane e dai colori luminescenti. Alcune sale sono gigantesche, come quella dei concerti, che può contenere alcune migliaia di persone ed ha una acustica perfetta, altre più piccole ma sempre affascinanti. Nei 21 km di grotte sotterranee finora esplorati vive anche un piccolo anfibio, mai trovato in altre parte del mondo: il Proteus anguinus che è possibile ammirare nel Passaggio detto ‘delle nuove firme’. La visita di questo complesso carsico, la più grande grotta turisticamente attrezzata del mondo, è accessibile a tutti e si effettua comodamente grazie ad un trenino elettrico che, con percorso della durata di circa un’ora, porta il visitatore a scoprire tutte le zone più belle e interessanti di questo mondo sotterraneo. Le visite, possibili in tutte le condizioni meteo, sono sempre guidate e, naturalmente, anche in lingua italiana. Fate attenzione alla temperature all’interno delle grotte, che si mantiene sempre tra gli 8° e i 10° C; l’umidità è molto elevata ed è necessario utilizzare quindi un abbigliamento adatto. Cerca il tuo hotel a Postumia

Vacanze brevi: una gita al lago di Bled

Vi affascinano i colori delle foglie in autunno? Nel Vermont, famoso per lo straordinario spettacolo offerto dalla natura a cavallo tra ottobre e novembre, il servizio forestale ha istituito un servizio apposito, il Fall Color Hotline, che aggiorna i turisti in tempo reale sui luoghi dove si può ammirare la caduta del fogliame e l’evoluzione del colore degli alberi, che sfumano dal giallo, all’arancio al rosso fuoco.
Non sarà proprio la stessa cosa, ma invece di volare negli States, si può vivere un’esperienza da Indian Summer anche vicino casa nostra, più precisamente in Slovenia, una nazione piccola quanto la Toscana e in buona parte ricoperta di foreste.

Provate a passare un weekend d’autunno al lago di Bled; è uno specchio d’acqua di origine glaciale, incastonato tra le Alpi Giulie e le Karavanke, nella zona del Tarvisiano, cosiddetta dei Tre Confini.
Il lago, il paese e tutta la regione sono una località idilliaca. Potete affittare una barca a remi o a motore elettrico e raggiungere l’isoletta al centro del lago, dove c’è la bellissima chiesa dell’Assunzione della Vergine; nel santuario troverete appesa la “campana dei desideri”, il cui fascino è legato ad una romantica e antica leggenda.
Vale di sicuro una visita anche il castello di Bled, un’imponente fortificazione medievale, con torri, mura di cinta e ponte levatoio, in cima a uno strapiombo che domina il lago. In un’ala del castello, adibita a museo, sono esposti pezzi che ripercorrono lo sviluppo storico di Bled.
Favolosa la passeggiata intorno al lago, a piedi o in bicicletta; la vista spazia dalle acque verde smeraldo alle colline tappezzate di alberi dalle foglie cangianti. Sullo sfondo spunta la vetta rocciosa del Triglav, uno spettacolo unico in autunno, quando le foglie cadono e i prati sono ancora verdi, ma molto affascinante anche d’inverno.

Le attrazioni turistiche nelle vicinanze sono molte: le cascate di Vingtar, il lago Bohini e  il Parco Nazionale del Triglav.

Come arrivare: Bled è a 50 km da Tarvisio. Dal confine di stato seguire autostrada in direzione Slovenja, proseguire per Ljubljana e passare il Karawanken Tunnel; dopo una ventina di chilometri prendere uscita Lesce-Bled. In alternativa passare per Kranjska Gora: l’itinerario è più panoramico, si percorre solo un tratto di autostrada slovena, risparmiando quindi il pedaggio del tunnel Karawanken e la vignetta austriaca.