All Posts Tagged With: "barcellona"

Immacolata: mini ponte nelle capitali europee

Il calendario è stato avaro quest’anno, con l’Immacolata che cade di sabato dobbiamo accontentarci di un mini-ponte. C’è però chi non rinuncia al break prenatalizio e salta su un volo, possibilmente low cost. Le mete preferite?  Quelle di sempre, le grandi città europee illuminate a festa.

LONDRA

Una giornata tipo: mattinata di shopping al Fair Christmas Fayre, il mercatino di prodotti equo e solidali di Oxford Street, poi un giro sulla ruota panoramica gigante, la visita alla Torre di Londra e al Museo di Storia Naturale, che piacerà tanto anche ai bambini. Di fronte, in mezzo alle casette di legno che vendono cioccolata calda, c’è una pista di pattinaggio che vi aspetta, noleggiate i pattini e buttatevi nella mischia. Se preferite farvi immortalare con l’albero di Natale realizzato da Tiffany allora andate a fare skate nello splendido cortile della Somerset House. Serata al pub per una pinta e curry di pollo.

PARIGI

A Parigi il Natale è scintillio di luci, per le strade, sugli alberi, nelle vetrine, potresti passarci intere giornate in questa città soltanto passeggiando senza meta precisa. Da non perdere: un concerto di Natale alla Sainte Chapelle (ce n’è uno anche sabato 8 dicembre); andate prima per visitare questo capolavoro del gotico francese sull’Ile de la Cité, in mezzo alla Senna. Shopping gastronomico nei pressi di Les Halles tra le boutique dei formaggi e dei paté. Un pomeriggio al Musee d’Orsay, unico al mondo per chi ama l’impressionismo.

BARCELLONA

Barcellona va sempre a letto tardi, figuriamoci durante le feste. Dove preferite passare la serata? La scelta è ardua…
L’Hard Rock Cafè di Barcellona non puoi mancarlo, è quello con la grande facciata colorata a Plaza de Catalunya. All’interno i migliori brani storici di sempre e preziosi cimeli, tra cui la chitarra a 5 corde di Keith Richards.
Sembra di entrare in una foresta incantata come quella delle favole, infatti si chiama El Bosc de les Fades, ed è uno dei locali più intriganti di Barcellona. Un locale davvero curioso per un drink con gli amici o in coppia, buoni anche i piatti del buffet, prezzi più che abbordabili.
Il fine settimana è piena all’inverosimile, ma se avete voglia di una notte scatenata con i migliori dj del momento allora il posto giusto è Be Cool, di fianco all’Avenida Diagonal.

L’ostello si fa bello

Chi l’ha detto che l’ostello è adatto solo ai viaggiatori giovani con lo zaino in spalla? E chi l’ha detto che l’ostello è un posto squallido e sporco in cui si deve per forza di cose fare a meno del bagno privato?

All’estero l’ostello fa tendenza, da noi ancora no. Ma ci stiamo a poco a poco arrivando, soprattutto da quando sono nati gli ostelli di lusso. Un controsenso? No, perché per soddisfare le esigenze del turista attento al budget, di chi viaggia in famiglia o con gli amici era necessario inventarsi una formula di alloggio che fosse allo stesso tempo economica e confortevole.
Perciò ecco che nelle grandi capitali e lungo i principali itinerari turistici spuntano come funghi alloggi decisamente low cost ma pari, quanto a efficienza e qualità dei servizi, alle migliori strutture alberghiere. Qualche esempio?

A Stoccolma in pieno centro l’ostello di lusso si chiama Old Town Hostel; comodissimo, in quanto situato a soli 5 minuti a piedi dalla stazione centrale, elegante perché ricavato da un edificio del 17imo secolo, modernissimo visti gli interni di design e i servizi hi tech, tra cui la connessione wi-fi gratuita. Prezzi a partire da 23,6€ a persona.

Spostiamoci a Berlino. One80 Hostel Alexanderplatz non ha quasi bisogno di presentazioni: una bella struttura, in un bel quartiere, con bella gente. Dormitori e stanze private, prezzi a partire da 12€ a persona.

Barcellona. Avete presente il Paseo de Gracia, l’avenida con gli edifici firmati Gaudì e i negozi più chic? Ebbene è qui che si trova Casa Gracia Barcelona Central Hostel: piacevole e curatissimo nei dettagli, con una cucina ben equipaggiata, connessione wi-fi gratuita e postazione internet e ampi spazi in comune. Dispone di camere sia con bagno condiviso, sia con bagno privato; prezzi a partire da 26€ a persona.

Dormitori e accoglienti camere private anche al Palmers Lodge Swiss Cottage, che si trova in centro a Londra, Camden, Regents Park e West Hampstead, in un elegante edificio vittoriano recentemente ristrutturato. La colazione è compresa nel prezzo, cosa abbastanza rara per Londra. Prezzi da 18,73€ a persona.

Torniamo in Italia. A Roma va segnalato il Blue Hostel, che si trova alle spalle della basilica di Santa Maria Maggiore, quindi ad un solo isolato dalla Stazione Termini. E’ perfetto: stanze doppie con bagno privato, LCD TV, aria condizionata, connessione wifi, persino l’asciugacapelli. I prezzi partono da 45€ a persona. E’ vero che per un alloggio a Roma sono molto bassi, ma per un ostello, seppure all’avanguardia, ci voleva forse maggiore attenzione alle tariffe.

Barcellona, la più trendy di tutte

Barcellona è prima di tutto atmosfera: i suoi grandi spazi, le ramblas infinite, le architetture grandiose e un po’ folli della Sagrada Familia e dei palazzi di Gaudì, le vie del paseo chic e quell’onda continua di gente che rende questa città una delle più vivaci d’Europa. Insomma Barcellona è una vera e propria calamita per i turisti, una meta sempre più trendy e modaiola, che si rinnova di continuo e che attrae quanto e forse più di Londra o Parigi.

Isola d’indipendenza ai tempi del franchismo, da sempre fiera della sua ‘catalanità’, Barcellona è poco spagnola, molto europea, a volte quasi francofila nelle sue preferenze culturali, ma sempre irriverente e profondamente contemporanea. Barcellona - Avenida Diagonal | © Aldo Ardetti - ardetti@libero.it  - GNU Free Documentation License
Gaudì è l’ossessione dei turisti: lungo il celebre Passeig de Gràcia, il boulevard noto per i lampioni in ferro battuto e le panchine ricoperte di mosaici di ceramica, si affacciano Casa Milà, meglio conosciuta come la Pedrera, e Casa Batlló con le loro architetture visionarie. Accanto a questi capolavori del genio Gaudì sorgono splendidi edifici decò, come quello che ospita Vincon, il negozio di articoli di design più originali, espressione tangibile della creatività delle griffe locali.

La città è un paradiso dello shopping e non soltanto per il design catalano: negozi e boutique si susseguono senza soluzione di continuità lungo il distretto commerciale che va da Port Vell alla Diagonal: qui c’è un bus pensato apposta per facilitare lo shopping, che si muove lungo un percorso designato e consente ai turisti muniti di tessera T-shopping di salire e scendere ogni volta che si vuole per comprare o solo guardare le vetrine.

Per chi invece è poco attratto dalla smania di spendere e vuole piuttosto godersi una delle opere più grandiose di Gaudì, la tappa obbligata in città è il Parc Güell, una città giardino dove l’artista ha capovolto le leggi Barcellona - Entrata Parco Guell | © Marc Desbordes - GNU Free Documentation Licensedell’architettura classica, dando libero sfogo alla sua fantasia: un’atmosfera irreale e fiabesca circonda i profili sinuosi delle tante opere, che richiamano gli elementi di un paesaggio naturale, impreziosite nelle forme e nei colori dalla brillantezza dei mosaici. Guadagnandosi a fatica uno spazio tra la folla di turisti, ci si può concedere un momento di riposo seduti sulla grande terrazza ondulata che sovrasta i colonnati e godersi con uno sguardo d’insieme il parco e una bella vista della città.

Di tutt’altro genere è invece il Parc del Laberint, il più antico di Barcellona e anche il meno conosciuto: fontane ricoperte di muschio, padiglioni neoclassici, colonnati e un labirinto di siepi e cipressi ne fanno un rifugio romantico e un’oasi verde di pace, a poche fermate di metro dalla calca cittadina.

Tradizione e creatività sono parole d’ordine anche nella ristorazione catalana che offre un ventaglio di proposte stuzzicanti in grado di soddisfare i palati più esigenti.

Prenota ora!