All Posts Tagged With: "Barcolana"

Trieste: la Barcolana, edizione n. 44

E’ la regata più affollata del mondo, è un grande evento per i velisti professionisti come lo è per gli appassionati diportisti ed è una grande festa per chiunque ami il mare: è la Barcolana, a Trieste ogni anno la seconda domenica di ottobre.
Chi non ha mai assistito a questa straordinaria kermesse marinaresca potrebbe cogliere l’occasione e fare un salto a Trieste il prossimo 14 ottobre: non capita tutti i giorni vedere quasi duemila barche a vela navigare tutte insieme, gomito a gomito, per il gusto di competere ma anche per il solo piacere di partecipare.
barcolana

Per assicurarsi un posto in prima fila e godersi la partenza da terra è meglio muoversi presto. I punti strategici sono di solito occupati già molto prima che la gara cominci. I posti migliori dipendono dalle condizioni meteo, ma in generale è il Carso ad offrire una vista grandiosa di tutto il golfo. Buoni gli slarghi della strada napoleonica, dall’Obelisco di Opicina fino a Prosecco, ma un ottimo punto di osservazione è anche il faro della Vittoria.
Chi invece vuole buttarsi nella mischia non deve fare altro che sfogliare la lista imbarchi pubblicata sul sito ufficiale di Barcolana 44 ; sono tante le barche che cercano persone di equipaggio, più o meno capaci. Le proposte sono le più varie, per la sola giornata di domenica o per tutto il weekend. E di sera tutti sulle Rive tra musica, brindisi e bevute.

Quest’anno c’è una novità: tutti gli iscritti alla regata avranno la possibilità di vincere un nuovissimo Elan 210, una bella imbarcazione carrelabile, adatta sia alla regata sia alla crociera breve. Per vincere la barca a vela non serve arrivare primi, basta solo partecipare. Il vincitore sarà estratto il 25 novembre, giorno della premiazione.

Per chi ama il mare uno dei posti migliori per alloggiare a Trieste e il Riviera & Maximilian’s un hotel 4 stelle che si trova sulla strada costiera.  La posizione dell’hotel è magnifica, le stanze hanno una bella vista sul golfo di Trieste e la terrazza fronte mare dove vengono serviti la colazione la mattina e gli aperitivi la sera merita una menzione particolare. Parcheggio e wifi gratuito.

Per chi è più attento al budget Alla Valle di Banne, un hotel 2 stelle sulle colline alle spalle di Trieste, potrebbe essere la scelta ideale. Completamente ristrutturato da un paio d’anni, pulito, tranquillo ed accogliente offre il parcheggio e accesso ad internet gratuito.  Il centro di trieste è facilmente raggiugibile anche con i mezzi publici.

Trieste mon amour

Che lo guardi dai muretti del Molo Audace o dall’alto della strada napoleonica di Opicina, il golfo di Trieste lo puoi quasi abbracciare tutto, da Muggia fino a Duino. E se passeggi sulle Rive, in un giorno in cui la bora scende giù dal Carso a rotta di collo e s’insinua bizzosa in tutti gli anfratti, ne puoi anche sentire la voce, la musica: perché è quel mare, increspato di riccioli bianchi, che fa cantare le sartie delle barche.
Trieste - Piazza Unità d'Italia | © Waypoint
Trieste è legata al mare almeno quanto lo è alla montagna: è l’unico posto d’Italia dove puoi vedere le Alpi oltremare, dove mare e montagne si toccano come le quinte di un teatro, diceva Paolo Rumiz, scrittore, giornalista e triestino doc.

Senza il mare Trieste non potrebbe vivere: anche in inverno, quando il cielo è di un azzurro smagliante, quasi fosse lucidato dal vento, vedi gente sulle Rive con la sciarpa fino agli occhi. D’estate poi non ne parliamo, tutti in costume a godersi il sole e il mare sui marciapiedi di Barcola; solo una fila di oleandri, e nemmeno troppo fitti, protegge i corpi stesi al sole sul pavé dalle auto che corrono sulla strada costiera.

Qui le barche a vela sono il doppio di quelle a motore, ci sono 14 società veliche e un triestino su quattro sa andare in barca. Ed è qui che ogni anno si tiene la regata internazionale aperta a tutte le categorie di barche a vela: sono più di 2.000 le imbarcazioni che partecipano alla Barcolana, quelle grandi a fianco delle piccole, le une capitanate da esperti velisti, le altre da semplici appassionati, chiunque può gareggiare nella kermesse del mare più spettacolare e scenografica che si conosca.

A due passi dal centro di Trieste ci sono i sentieri che portano al Carso e alle falesie della Val Rosandra. E c’è addirittura un rifugio del CAI, il più basso delle Alpi e forse del mondo, con la sua locanda sempre affollata: perché la gente se c’è vento va in barca, se c’è bonaccia mette le pedule e va in montagna.

Se invece rimani in città vai a farti un giro, che immancabilmente finisce in un buffet, con le caldaie sempre fumanti di profumati bolliti, oppure in un caffè: i triestini bevono 10 kg di caffè all’anno, che rispetto alla media italiana di cinque chili è decisamente una bella quantità.
Forse perché il caffè che si serve a Trieste è uno dei migliori al mondo? Meglio non mettetersi a discutere della qualità del caffè con un triestino, è una battaglia persa in partenza: più del 30% del caffè importato in Italia sbarca nel porto di Trieste e il profumo che proviene dalle torrefazioni e dai sacchi movimentati sul molo s’insinua tra i palazzi e diventa un tutt’uno con la città. Ci sono giorni che nemmeno la puzza dello smog riesce a coprirlo.

E poi ci sono i caffè storici, quelli dove ti siedi e ci passi due ore senza che te ne accorgi: davanti a una tazzina di caffè e a una fetta di strudel, sfogli un giornale tenuto insieme da una stecca di legno, come ancora si fa al Caffè San Marco, il più asburgico della città, e ogni tanto tendi l’orecchio a quel dialetto stretto, che ai poco esperti ricorda la cadenza veneta, ma di certo veneto non è e non è nemmeno friulano. Tra giuliani e friulani non sempre corre buon sangue.

Trieste dall’anima asburgica, Trieste frontiera tra la Mitteleuropa e il Mediterraneo, Trieste scontrosa, nostalgica. Trieste salotto dell’Adriatico, Trieste con la più grande piazza d’Europa affacciata sul mare. Tanto bella, eppure così ignorata dai turisti.

La guida della città:  Trieste –  Geo Mondadori,  giugno 2010, 13€

Gli alberghi a Trieste consigliati da Hotels.com

Ottobre: il mese della nautica

Come ogni anno, ottobre è un mese pieno di appuntamenti per gli appassionati del mare e della nautica.
Dal 2 al 10 ottobre apre i battenti a Genova il Salone Nautico Internazionale giunto ormai alla 50° edizione. Saranno esposte, in parte a terra e in parte ormeggiate lungo le banchine, oltre 2300 imbarcazioni di cui circa 500 sono  novità assolute. ln programma durante la fiera convegni e incontri sul turismo nautico e numerosi eventi collaterali ed iniziative sportive per far conoscere al pubblico la nautica ed il mare.
L’ingresso è dalle 10:00 alle 18:30 e il biglietto costa 15€; per evitare le code approfittate della possibilità di acquistare il biglietto online.
Se l’acquisto di una barca nuova è fuori dal vostro budget potete visitare Nautilia, l’unica mostra nautica dell’usato che espone a terra la maggior parte delle imbarcazioni; è quindi più facile ispezionare l’opera viva, controllare timoni, eliche e tutti gli altri elementi strutturali importanti da valutare nell’usato.
La mostra, organizzata dall’Ente Fiera Cantieri di Aprilia e che ogni anno attira più di 15.000 visitatori, è arrivata alla 23° edizione e si terrà ad Aprilia Marittima (Udine) dal 23 ottobre al 1 novembre. L’orario è dalle 9 alle 18 e il biglietto costa 12€. Le barche in esposizione misurano tra i 7 ed i 20 metri e nel 20-25 percento dei casi sono barche a vela.
Infine se diventare armatori non è tra i vostri progetti futuri ma vi piace comunque vedere le barche nel loro elemento naturale, non mancate la Barcolana, la regata per tutti. Da 42 anni è una vera festa del mare con la partecipazione di un incredibile numero di barche, piccole e grandi, condotte per professione o per passione da veri amanti della vela. L’appuntamento per la regata è a Trieste il 10 ottobre ma la festa comincia dal già dal 2.

Questo sito web utilizza i cookie per monitorare gli accessi e la condivisione dei contenuti e altri cookies di terze parti. Premendo OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito ne accetti il loro utilizzo.

Privacy Page