All Posts Tagged With: "capitali europee"

Helsinki, in città e nei dintorni

Per sfuggire alla folla di agosto assiepata sotto una selva di ombrelloni che nasconde ormai anche la spiaggia non c’è niente di meglio che puntare a nord. Intima ma vivace e con poco più di mezzo milione di abitanti, Helsinki è una città vivibile, come si usa dire “a misura d’uomo”. Di quelle che si girano a piedi, con i mezzi pubblici o, perché no, con una bici presa a noleggio. Ed è a sole tre ore di volo dall’Italia.

Helsinki - VisitFinland
A Helsinki i punti di interesse sono tutti a portata di mano e non è difficile orientarsi in quel puzzle di laghi, ampi spazi verdi, isole e isolette collegate da ponti e da traghetti. Le costruzioni basse e funzionali, che raramente superano i quattro o cinque piani, regalano la sensazione di una città che respira e mettono in risalto i monumenti e gli edifici di pregio storico-architettonico. Come la cattedrale ortodossa di Uspenski, giusto a ridosso del porto, che fende il cieloHelsinki - Cattedrale ortodossa - VisitFinland con una selva di guglie, cupole dorate e torrette azzurro pastello. La chiesa, riccamente decorata da icone, fu eretta nella seconda metà dell’ottocento ed è testimone del periodo, nemmeno tanto lontano, in cui la Finlandia era un granducato della Russia zarista.

Salendo sul tram della linea 3T si ha già un primo assaggio dei monumenti e dell’impianto architettonico della città: la stazione ferroviaria in tardo stile art nouveau, il curvilineo e avveniristico Kiasma, che ospita il museo di arte contemporanea, la bianca struttura di marmo della Finlandia Hall, il centro congressi e sala da concerto progettata dal grande architetto Avar Aalto, il Parlamento, la Temppeliaukio, una chiesa scavata nella roccia celebre per la sua acustica straordinaria.
E poi c’è il mercato coperto, costruito ai tempi dello zar, una sosta obbligata per fare acquisti di ogni genere o soltanto per curiosare. La zona dello shopping, dei negozi di design, dei caffè all’aperto e dei locali alla moda è la Esplanadi, un doppio viale separato da curatissimi giardini, che attraversa il cuore della città.

Non mancano le possibilità di fare belle escursioni nei dintorni, soprattutto in estate. A soli 15 minuti di traghetto, la suggestiva fortezza diSuomenlinna Fortezza - VisitFinland Suomenlinna, dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO, è il luogo giusto dove passare una piacevole giornata all’aria aperta.
Ad appena una trentina di chilometri da Helsinki potete già farvi un’idea delle foreste finlandesi: il Nuuksio National Park è un’area protetta di recente istituzione, segnato da numerosi sentieri di diversa lunghezza, che serpeggiano tra i boschi costeggiando placidi laghi dalle acque cristalline. Chi volesse rimanere qualche giorno all’interno del parco può affittare uno chalet o bivaccare nelle aree adibite a campeggio.

Infine, perché non abbinare Helsinki ad una visita a San Pietroburgo? Si arriva in tre ore e mezza, comodamente seduti nei vagoni dell’Allegro, un nuovo treno super veloce delle ferrovie finlandesi che effettua quattro partenze giornaliere dal centro di Helsinki alla stazione centrale di San Pietroburgo. Le formalità doganali vengono sbrigate direttamente a bordo e c’è anche un servizio di cambiavalute.

Come arrivare
Ci sono voli diretti per Helsinki da Milano e da Roma e durante l’estate anche da Venezia e da Pisa. L’aeroporto si trova ad una ventina di chilometri dal centro ed è servito dagli autobus cittadini che partono ogni 20 minuti (prezzo 6,20 euro).

Dove alloggiare
Expedia offre una vasta selezione di hotel nel centro e nei dintorni di Helsinki, con tariffe a partire da 60 euro a notte.

Photo courtesy of VisitFinland

Formula roulette? Quasi, i Top Secret hotel

Tutti conosciamo la formula roulette, una soluzione che consente di acquistare una vacanza a prezzi vantaggiosi, rinunciando però alla possibilità di scegliere la struttura di destinazione.
Per Natale e Capodanno si trovano in rete varie tipologie di offerte roulette e ognuna presenta sfumature diverse. Quasi tutte garantiscono la categoria dell’hotel e il tipo di trattamento. In certi casi si può scegliere tra una rosa di 3, 4 o più strutture, in altre non si ha la benché minima idea dell’albergo o del villaggio assegnato, della sua ubicazione né delle attrezzature di cui dispone. Il nome dell’hotel dove si va a passare l’agognata settimana di vacanza viene comunicato dal tour operator poche ore prima della partenza o solo all’arrivo.
Il risparmio è inversamente proporzionale agli obblighi assunti dall’operatore turistico: maggiore è l’incertezza, minore sarà il prezzo.

Quali rischi si possono correre? Capita di rado che ci venga assegnato un hotel non presente a catalogo o di categoria inferiore a quella richiesta; in questo caso ci spetta il rimborso, ed eventualmente un risarcimento, per mancata corrispondenza tra i servizi concordati e ricevuti.
Di solito però, quando le informazioni sulle possibili mete sono chiare e trasparenti, la formula del viaggio roulette è una pratica che fa risparmiare anche un 30-40%, grazie ai minori costi dell’operatore, che può gestire in modo più elastico le prenotazioni.

Tuttavia il malcontento è dietro l’angolo: può nascere dalla posizione dell’hotel, che non piace perché non è di fronte al mare e per andare in spiaggia bisogna prendere la navetta. Oppure perché si mangia male o per mille altri motivi, non sempre riconducibili all’inadempimento delle condizioni contrattuali. In questi casi un po’ di flessibilità non guasta.
A volte, invece, si ha la fortuna di capitare in posti magnifici, poco affollati e con un servizio eccellente. Ma in definitiva, chi dedica molto cura alla scelta dell’hotel e non ama le sorprese, belle o brutte che siano, è meglio che non viaggi in formula roulette.

Lastminute.com, uno tra i più conosciuti e affidabili portali di prenotazione viaggi su web, ha da poco lanciato un’offerta chiamata Top Secret Hotel, che gioca sulla falsariga delle vacanze roulette consentendo un risparmio fino al 50% sul soggiorno in hotel 4* e 5*.
Funziona così: si sceglie la città, si seleziona l’hotel in base alle caratteristiche e alla fascia di prezzo, si inserisce la data di arrivo e si verificano disponibilità e prezzo del soggiorno. Effettuata la prenotazione si riceve un mail di conferma con nome ed indirizzo dell’hotel.

Gli hotel Top Secret sono quelli normalmente offerti da lastminute.com; lo sconto si riferisce alla differenza di prezzo tra una prenotazione normale e quella effettuata attraverso la formula Top Secret.
Le proposte sono diverse, alcune delle quali particolarmente allettanti; gli alberghi selezionati sono tutti di alta gamma, nelle principali città italiane ed europee. Un esempio: un hotel quattro stelle a Firenze, nelle vicinanze di Piazza delle Signoria e del David di Michelangelo, è proposto a tariffe che partono da 58€ (prezzo massimo 272€). Per verificare l’effettiva disponibilità abbiamo simulato una prenotazione per venerdì 10 dicembre, temendo un prezzo irragionevole per il weekend del ponte dell’Immacolata. La tariffa era invece 72€ a camera, che per un quattro stelle in centro a Firenze ci è sembrato un prezzo più che ragionevole.

Tante anche le proposte vantaggiose nelle capitali europee più belle, da Londra a Parigi, da Barcellona a Berlino, care in ogni stagione. Ad Amsterdam si possono spuntare tariffe scontate anche del 50%; dipende ovviamente dalle date, ma c’è ancora ampia disponibilità di camere. Chi prima arriva meglio alloggia e, in questo caso, meno spende.

Praga, magica atmosfera

Perché sono in tanti a scegliere Praga per un lungo weekend? Perché è una delle capitali più belle d’Europa, nostalgica e al tempo stesso giovane e vivace come poche altre.
Adagiata sulle rive della Moldava, Praga ha secoli di storia da raccontare. E una ricchezza architettonica in cui si fondono elementi barocchi, gotici e di liberty praghese.
Panorama di Praga | © Klaus Koenig
Praga si gira a piedi; quando ci si stanca di camminare ci sono tre linee di metropolitana e i tram, comodissimi e veloci. Uno dei punti di rifermento è il Ponte Karlov, solo pedonale, che divide la città: sulla sponda sinistra ci sono il Castello e Mala Strana (Parte Piccola), su quella destra il quartiere ebraico e la Città Vecchia.

Mala Strana è uno storico quartiere il cui cuore è la Malostranské náměstí una splendida piazza acciottolata su cui domina la facciata della Chiesa di San Nicola; entrando si possono ammirare gli interni, ricchissimi di opere pregiate dei più illustri artisti dell’epoca barocca.
Piazza delle Città Vecchia è invece il punto di partenza per visitare il centro storico di Praga e le sue bellezze: la Chiesa di Tyn, l’orologio astronomico, il fiabesco Castello Vysehrad, la Cattedrale di San Vito e il Vicolo d’Oro (o vicolo degli alchimisti), dove si cercava la formula per tramutare il ferro in oro. In una delle colorate casette dell’Alchimistengasse, al civico 22, abitò Franz Kafka e vi scrisse numerosi racconti, tra cui il Cavaliere del secchio.
E poi Piazza Venceslao, luogo simbolo della Primavera di Praga, il quartiere ebraico di Josefov e le sue sinagoghe e di nuovo al ponte Carlo (Karlov Most), particolarmente suggestivo di sera.
Uno scorcio di Praga | © Klaus Koenig
Praga è una città dove è bello passeggiare senza meta, scoprire da soli tutti gli angoli incantevoli che sulle guide non vengono citati, fermarsi nei chioschi che vendono bevande calde o infilarsi nei tanti locali, birrerie e caffè che propongono musica dal vivo.
Già vista Praga? Nel cuore della foresta boema, a poche ore di auto dalla città, ci sono luoghi meno frequentati che meritano assolutamente una visita: un solo esempio tra tanti, la piccola cittadina di Telc, un’altra perla della Repubblica Ceca.

Questo sito web utilizza i cookie per monitorare gli accessi e la condivisione dei contenuti e altri cookies di terze parti. Premendo OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito ne accetti il loro utilizzo.

Privacy Page