All Posts Tagged With: "squalo"

Snorkeling sicuro a Sharm

Le autorità egiziane hanno annunciato la riapertura delle spiagge di Sharm.
Dopo una serie di attacchi di squali, che hanno causato la morte di una turista tedesca e il ferimento di altri quattro bagnanti, sono state messe in atto misure per garantire la sicurezza in mare.

La situazione sul Mar Rosso torna dunque alla normalità? Pare proprio di sì.
Gli hotel hanno aderito ad un vasta operazione di controllo della costa che consente ai turisti immersioni, snorkeling e nuoto al sicuro dagli squali; sono state istituite stazioni di osservazione presidiate da subacquei, mentre in superficie un drappello di barche veloci pattuglierà in continuo le acque.
I bagnanti dovranno però rimanere all’interno di aree designate, ha dichiarato alla stampa il governatore del South Sinai alla stampa, ricordando che vige il divieto assoluto di dare cibo agli squali.

Intanto un gruppo di esperti internazionali, arrivato nei giorni scorsi in Egitto, è all’opera per capire cosa abbia indotto questo inusuale e anomalo comportamento da parte degli squali.

Squalo uccide turista a Sharm: divieto di balneazione fino a nuovo ordine

La saga dello squalo nel paradiso delle vacanze sta ormai assumendo toni che ricordano i film di Spielberg. Ieri una turista tedesca è stata uccisa da uno squalo mentre nuotava davanti al suo hotel; è l’ultimo drammatico incidente di una serie di aggressioni che ha visto coinvolti nell’ultima settimana altri quattro bagnanti.

L’ente ufficiale egiziano che regola le immersioni e gli sport acquatici (CDWS) ha immediatamente ordinato il divieto di balneazione e la sospensione di qualsiasi attività in mare. Un divieto che era stato già imposto nei giorni scorsi; poi nella serata di giovedì scorso, dopo la cattura di due squali ritenuti responsabili degli attacchi, le autorità avevano dato nuovamente il via libera.

Sabato un gruppo di turisti era precipitosamente fuggito dall’acqua dopo aver visto avvicinarsi un grosso squalo, lungo tre metri, che nuotava in cerchio attorno agli snorkeler con fare aggressivo. Nonostante la barca d’appoggio fosse dall’altro lato del reef, il gruppo era riuscito miracolosamente a mettersi in salvo.

Ieri invece non è andata altrettanto bene ad una settantenne ospite del Hyatt Regency hotel. L’attacco è stato improvviso, non c’è stato il tempo di rendersi conto di quanto stava accadendo a pochi metri dalla riva: quando i bagnini sono arrivati a prestare soccorso, la turista era già gravemente ferita, lo squalo le aveva troncato di netto un braccio. La donna è morta pochi minuti dopo.

Cosa ha innescato questa inusuale ondata di attacchi? Secondo gli esperti l’intensa attività di pesca, legale e illegale, ha impoverito l’ambiente e rende questi predatori più aggressivi, spingendoli nelle zone dove è facile l’incontro con l’uomo. Sotto accusa anche la pratica di dare cibo ai pesci per attirarli e poi scattare fotografie; il fish feeding scatena una frenesia alimentare che potrebbe invogliare anche grossi predatori. E’ una pratica ufficialmente vietata nelle acque del Mar Rosso, ma poco rispettata da molti turisti e operatori del settore.

Gli squali catturati giovedì sono stati sezionati per esaminare il contenuto dello stomaco, ma i funzionari del Parco Nazionale del Sinai meridionale non hanno ancora comunicato i risultati dell’autopsia.

Un turista moscovita, che era stato testimone agli attacchi della settimana scorsa a Tiran, ha dichiarato sconsolato che passerà il resto della sua vacanza in spiaggia. Il mar Rosso, uno straordinario acquario di pesci esotici e coralli, perde così gran parte della sua attrattiva, proprio all’inizio del picco turistico invernale. Il panico ormai si è diffuso.

Per saperne di più sugli attacchi di squalo nel mondo leggi: Chi ha paura dello squalo?

Squali a Sharm: fermati i soliti sospetti

Il Ministro dell’Ambiente egiziano ha annunciato la cattura di due squali, sospettati di aver aggredito i bagnanti a Sharm. Dopo aver pattugliato a lungo le acque intorno ai luoghi dove si erano verificati gli attacchi, la task force inviata a soccorso dei turisti ha lanciato pezzi di fegato in mare e voilà, ha catturato trionfante due squali.
Si tratta degli autori delle aggressioni? Vedremo, gli squali sono stati portati al Ras Mohammed Conservation Center per essere dissezionati. Se dall’esame dovessero risultare resti umani, vorrà dire che i colpevoli sono stati assicurati alla giustizia.

Nel Mar Rosso vivono numerose specie di squali, ma gli attacchi agli esseri umani sono uno o due l’anno. I turisti che si concedono ogni anno una vacanza nei beach resort della costa egiziana sono invece tre milioni.
Più che una sfrenata caccia allo squalo, suggeriscono i diver egiziani, sarebbe opportuno, tanto per turisti quanto per gli squali, indagare sui possibili motivi che avrebbero spinto questi predatori del mare ad attaccare i bagnanti.
Tra le tante tesi c’è quella di una nave da trasporto che avrebbe gettato una pecora morta in mare. Secondo gli esperti ambientali, invece, i pescecani si sono diretti a riva spinti dalla pesca eccessiva o disorientati dal rumore delle barche. Ma gli attacchi all’uomo sono talmente rari che stabilirne con certezza i motivi è praticamente impossibile.

Gli squali che da giorni terrorizzano i turisti sarebbero stati indentificati da alcuni testimoni: uno di essi è il whitetip shark, ovvero lo squalo longimano, conosciuto anche come pinna bianco oceanico. E’ una specie pelagica, aggressiva ma lenta, che normalmente non attacca subacquei, surfer o bagnanti; è invece ritenuto uno dei maggiori responsabili degli attacchi in pieno oceano ai sopravvissuti a disastri aerei o navali. Sottoposto a caccia intensiva a causa delle sue pinne, tanto ricercate nella cucina asiatica, lo squalo longimano è stato inserito nelle lista delle specie a rischio di estinzione.

Dopo essere stati sezionati, gli squali catturati saranno esposti nel centro visitatori della Ras Mohamed Natural Reserve, a futura memoria. Quanto al divieto di balneazione, ieri era ancora chiuso un ampio tratto della costa di Sharm, ma dopo la cattura del secondo squalo è probabile che si possa tornare a fare il bagno già nelle prossime ore.

Per saperne di più sugli attacchi di squalo nel mondo leggi: Chi ha paura dello squalo?

Squalo attacca a Sharm: temporaneamente vietata la balneazione

Sulle spiagge di Sharm un avviso del genere non si era mai visto: temporaneamente vietata la balneazione, causa squalo.
Le autorità egiziane sono impegnate nella ricerca dell’esemplare, probabilmente uno squalo longimano, che ha attaccato e gravemente mutilato tre turisti russi.
Il primo attacco, che ha visto coinvolti una coppia di bagnanti si è verificato martedì, nella zona del parco marino di Ras Nasrani; ieri mattina la seconda aggressione, forse da parte dello stesso squalo, avventatosi contro una donna che faceva snorkeling di fronte alla spiaggia del Domina Coral Bay di Sharm el Sheik. La donna è stata ricoverata in un ospedale del Cairo con entrambe le braccia lacerate.

Dopo questo ulteriore incidente le autorità hanno imposto il divieto di balneazione e sospeso la maggior parte delle attività subacquee. Una squadra del South Sinai National Park sta battendo le acque costiere a caccia dello squalo che, se verrà catturato, sarà rilasciato nel golfo di Suez, lontano dai bagnanti, assicura la guardia costiera.

Lo squalo longimano (o squalo oceanico pinna bianca) è considerata una specie pericolosa, ma è raro che si avvicini alla costa o al reef. Secondo gli esperti di Shark Trust questi attacchi sono inspiegabili: qualcosa deve averlo attirato, forse l’attività di alcuni pescatori che si trovavano in zona.

Per saperne di più sugli attacchi di squalo nel mondo leggi: Chi ha paura dello squalo

Questo sito web utilizza i cookie per monitorare gli accessi e la condivisione dei contenuti e altri cookies di terze parti. Premendo OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito ne accetti il loro utilizzo.

Privacy Page