All Posts Tagged With: "Valencia"

Giornata mondiale del turismo 2011: eventi e iniziative

Martedì prossimo, 27 settembre 2011, si celebra la trentunesima Giornata Mondiale del Turismo.
“Mai i popoli e le culture del mondo sono stati così vicini tra loro. Il turismo permette a milioni di persone di vivere ogni giorno più vicine” si legge nel messaggio di Taleb Rifai, segretario generale dell’UNWTO, agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di politiche turistiche e promuove lo sviluppo del settore, non soltanto in termini economici ma anche, e soprattutto, sotto l’aspetto della sostenibilità.

Il tema di quest’anno, “Il turismo e il confronto tra le culture”, pone l’accento sul dialogo, lo scambio, la tolleranza tra i popoli. Se gli operatori turistici e solo una piccola percentuale dei 940 milioni di turisti che nel 2010 hanno varcato le frontiere del proprio paese tenessero in giusto conto questi valori, il settore turistico potrebbe svolgere un ruolo straordinario nella promozione della pace e della comprensione internazionale.

Assuan, antica città egiziana tra Nilo e deserto, è stata scelta come capitale mondiale delle celebrazioni della Giornata Mondiale del Turismo 2011. Ma le iniziative e gli eventi sono come sempre numerosi. Ne citiamo solo alcuni, in ordine sparso.

Roma celebra la giornata del 27 settembre 2011 con un Forum, dal titolo “Turismo, quale collegamento tra culture”, promosso dall’Associazione VAS Onlus e patrocinato da diverse regioni italiane, province e APT. All’iniziativa aderiscono anche diverse ambasciate ed enti del turismo, tra cui Albania, Bolivia, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Bulgaria, Colombia, Cuba, Ecuador, Ghana, Libano, Lituania, Kenya, Polonia, Romania e Tunisia. L’appuntamento è alle 10:30 presso l’Università Popolare di Roma Upter (via IV Novembre, 157).
La Santa Sede, da sempre sensibile a questi temi, partecipa come ogni anno alle celebrazioni; e in occasione di questa giornata, i Musei Vaticani e alla Cappella Sistina apriranno gratuitamente al pubblico (orario: dalle 8:45 alle 16:45, ultimo ingresso 15:20).

Musei e mostre gratis anche a San Marino il 27/9. Sarà inoltre possibile godere di uno splendido panorama salendo gratuitamente in funivia da Borgo Maggiore al centro storico sul Monte Titano. Inoltre, diversi ristoranti della piccola Repubblica propongono interessanti menù etnici a 25 euro a persona.
Ma sono centinaia i ristoranti in tutta Italia che proporranno ai propri clienti piatti della tradizione e della storia culinaria, propria di ciascun territorio dello Stivale: a Lucca, ad esempio, sarà protagonista la prelibata trippa, Bergamo ha invece deciso di rilanciare il gusto del buon minestrone, preparato secondo l’autentica ricetta storica lombarda.

Invece, tutti i turisti che si troveranno a Valencia martedì 27 settembre potranno usufruire di una serie di sconti e di vantaggi: basta indossare un braccialetto distribuito presso gli Uffici turistici per visitare gratis i musei municipali ed avere diritto ad uno sconto del 20% sull’ingresso al Bioparc e del 15% per la Città delle Arti e delle Scienze. Inoltre, anche la Valencia Tourist Card sarà offerta con il 10% di sconto, mentre le visite guidate nei luoghi più caratteristici del centro storico si pagheranno solo 5 euro a persona.

Valencia moderna ma non troppo

Non ho mai visto tanta gente. Non ho mai visto caffè così affollati. C’era movimento giorno e notte. Era il 1939 quando Hemingway scriveva di Valencia nella sua stanza dell’hotel Ingles. Certo le atmosfere sono molto cambiate da allora ma, quanto a movida, questa caotica e gioiosa città del sud della Spagna non ha nulla da invidiare a Barcellona.

Patria della paella, quella fatta solo di carne, simbolo della vela, da quando ha ospitato l’America’s Cup e con l’occasione si è rifatta il look, sospesa tra futuro e passato, Valencia è una città passionale e appassionante, di quelle che non lasciano indifferenti.
Il vetro e l’acciaio bianco delle strutture d’avanguardia di Calatrava e le ardite architetture dell’Hemisferic convivono con le facciate barocche di Plaza del Ayuntamento e con i vicoli tortuosi del barrio del Carmen. Un quartiere che nel corso della sua storia millenaria ha vissuto diverse vite e che, grazie a restauri eccellenti, è diventato oggi uno dei luoghi più frequentati della città: di giorno per lo shopping, di sera per i bar de copas, dove si tira tardi a bere e ad ascoltare musica.

Valencia non è solo movida e svago notturno, è anche vitalità culturale, è sede di rappresentazioni permanenti, come il Museo de bellas artes, una ricca pinacoteca nella quale spiccano i capolavori di Goya e Bosh, o gli allestimenti dell’Ivan (Instituto valenciano de arte moderna) che offrono una panoramica del XX secolo spagnolo da Picasso a Tapiés.

Immancabile una visita ai Jardines del Turia, un enorme giardino pubblico realizzato nel letto vuoto del fiume Turia, che periodicamente inondava la città e che fu prosciugato nel 1957. Ma invece di costruirci sopra palazzi o trasformarlo in parcheggi, gli urbanisti decisero di lasciare questo spazio, lungo diversi chilometri, ad area verde, un polmone a pochi passi dal centro storico: all’interno ci sono piste ciclabili, laghetti e fontane, attrazioni per bambini.

Il Jardin sfocia, senza soluzione di continuità, nel corrispettivo valenciano de La Villette di Parigi: la Città delle Arti e delle Scienze, un complesso ludico-culturale costituito da quattro strutture principali. Uno di questi è il Parque Oceanografico che con le sue 45 mila creature marine è il più grande acquario d’Europa. Immense vasche indipendenti collegate da tunnel subacquei consentono di fare un viaggio a 360 gradi tra le specie acquatiche dei cinque continenti.

Ai tempi in cui Hemingway scriveva Per chi suona la campana Valencia non aveva ancora scoperto la sua anima modernista e dell’hotel dove il grande scrittore soggiornava è rimasta solo la facciata; ma il cuore antico della città continua a pulsare come allora.

Come muoversi a Valencia
La città si gira comodamente con i mezzi pubblici; utile per muoversi anche la bicicletta, l’ideale per percorrere senza fretta i 9 km del Jardin: il servizio pubblico Valenbisi mette a disposizione 2.500 biciclette, distribuite in 275 punti della città aperti 24 ore su 24.

Alloggiare a Valencia
Expedia offre la scelta tra un centinaio di hotel e a partire da 35 euro a notte

Questo sito web utilizza i cookie per monitorare gli accessi e la condivisione dei contenuti e altri cookies di terze parti. Premendo OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito ne accetti il loro utilizzo.

Privacy Page