All Posts Tagged With: "voli"

I nuovi voli per il Togo di TAP Portugal

TAP Portugal si avvia, anche quest’anno, ad essere insignita del premio come Compagnia Aerea Leader Europea per l’Africa.

Infatti oltre ai già annunciati voli per la capitale economica della Costa d’Avorio, Abidjan, dal prossimo 17 luglio l’offerta TAP per l’Africa si amplia con 4 voli settimanali per Lomè, in Togo.
I voli saranno effettuati il lunedì’, mercoledì, venerdì e domenica con partenza da Lisbona nel pomeriggio e ritorno da Lomè nella tarda serata e saranno operati con un Airbus A320 da 165 passeggeri

TAP Portugal voli per Togo

L’aggiunta di Lomé rafforza la posizione strategica di TAP in Africa. Con l’operativo estivo 2017 la capacità di trasporto passeggeri di TAP verso il continente aumenterà di circa il 20%, mentre il numero di voli del 22%, rispetto allo stesso periodo del 2016”, ha dichiarato Araci Coimbra, Global Leisure Manager e Area Manager South and West Europe, nonché General Manager TAP Portugal in Italia e Grecia.

E’ già possibile prenotare i voli con tariffe promozionali anche con partenze da Roma, Milano Bologna e Venezia città che la TAP collega con Lisbona più volte a settimana.

La TAP Portugal è una storica compagnia aerea europea, fondata nel 1945, leader in particolare per i collegameni dall’Europa con l’Africa e il Sud America. Ha una flotta di 77 aereomobili con la quale collega 88 destinazioni in 38 Nazioni. Recentemente i lettori della prestigiosa rivista di viaggi americana Global Traveller hanno assegnato alla TAP portugal il titolo di “Best Airline in Europe”.

Alitalia in crisi? Colpa dei salatini.

Come ormai si ripete da molti anni la nostra ex compagnia di bandiera è in crisi. I soldi, salvo nuovi finanziamenti dell’ultima ora, bastano solo per andare avanti fino alla metà di aprile. E poi?

E poi, come al solito, con qualche lampo di finanza (più o meno) creativa si supererà l’emergenza e tra un anno staremo di nuovo a parlare  di crisi.

A sentire radio e giornali nessuno ha la soluzione definitiva per i problemi della compagnia anche se tutti sono pronti ad indicare le cause: il mancato accordo con Air France dei tempi di Berlusconi, il successo delle compagnie low cost, le occasioni mancate con Ethiad e cosi via.

By Alessandro Ambrosetti [CC BY 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons

Ma diamo una occhiata più da vicino ad Alitalia e alla più famosa low cost: Ryanair.

Abbiamo simulato  due viaggi: un volo sulla tratta Roma-Triestre ed uno su quella Roma Palermo per confrontare il prezzo dei biglietti:

Roma Trieste
volo del 19 aprile 2017
Roma Trieste
volo del 19 aprile 2017
Roma Palermo
volo del 22 aprile 2017
Roma Palermo
volo del 22 aprile 2017
tariffa più bassa del giorno ( solo bagaglio di cabina, senza scelta posto)
Tariffa più bassa del giorno con bagaglio in stiva, posto e (solo Ryanair)  imbarco prioritario
tariffa più bassa del giorno ( solo bagaglio di cabina, senza scelta posto)
Tariffa più bassa del giorno con bagaglio in stiva, posto e (solo Ryanair)  imbarco prioritario
Ryanair 24,57 € 54,89 € 43,50 € 69,98 €
Alitalia 114,91 € 132,91 € 130,91 € 148,91 €
Differenza -90,34 € -78,02 € -87,41 € -78,93 €
Tariffe  ricavate dei siti delle compagnie il giorno 28/3/2017 alle ore 12

 

Nei nostri esempi un biglietto Ryanair costa in media il 36,5% del pari biglietto Alitalia cioè, sempre in media, circa 80€ in meno

Perchè questa notevole differenza? Vediamo:

  • Usano aerei dai costi e dalle prestazioni comparabili (Boeing 737-800 da 189 posti per RyanAir e Airbus 319/320/321 da 138 a 200 posti per Alitalia);
  • piloti e personale di cabina in pari numero;
  • entrambe sono compagnie affidabili per la sicurezza e la manutenzione degli aerei;
  • sistemi di prenotazione e check in on line simili ed entrambi efficienti
  • biglietti elettronici e quindi nessun spreco di carta per tutte e due
  • personale di terra preparato sia in una che nell’altra compagnia

 

Ma allora come si spiegano questi 80€ in più?

Si spiegano nell’unica differenza che troverete nel viaggiare con le due compagnie: Alitalia offre ai suoi passeggeri (anche se ora li chiama ospiti) una bevanda ed un minuscolo pacchetto di salatini (a volte in alternativa ad un altrettanto minuscolo pacchetto di biscotti).

Ecco risolto il problema dell’Alitalia: la bibita e i salatini che la costringono a tenere alti i prezzi dei biglietti.

D’altra parte si sa che nei bar degli aeroporti i prezzi delle bevande e dei panini, è il caso di dirlo, volano in alto e a 10.000 metri di quota non è, quindi, impossibile  che qualche patatina fritta e un po’ di cola raggiungano anche gli 80€.

Lo so che ora state pensando che con 80€ nella vita reale riuscireste quasi a pranzare in un ristorante stellato ma volare è sempre stato il sogno degli uomini….. e i sogni si pagano!

P.S. Se proprio non volete privarvi degli anacardi salati in volo, potete sempre rinunciare, a favore di Alitalia, al Bonus Renzi per i lavoratori dipendenti…. sempre 80€ sono!

Cookies or salty, sir?

Trovare il volo alla tariffa più bassa. Sogno o realtà?

Un tempo, molti anni fa, comprare un biglietto aereo era una impresa facile. C’erano pochi voli, poche tariffe, poche alternative. Si andava nella propria agenzia di viaggi di fiducia e si tornava a casa con il biglietto sicuri di aver fatto l’acquisto più conveniente possibile. Oggi, invece, con lo sviluppo dei voli aerei, con i voli low-cost, con le offerte speciali e con decine di servizi di prenotazioni on line è sempre più facile scoprire che il passeggero seduto accanto a noi ha comprato il volo ad un prezzo decisamente meno caro del nostro.

By Yasu (Own work) [Public domain], via Wikimedia Commons

La domanda che tutti si fanno prima dell’acquisto è sempre la stessa: come fare a trovare il prezzo più basso?

La risposta è semplicissima: è impossibile, a priori, stabilire in che giorno ci sarà il prezzo minimo.

Questo perché le variabili, per il singolo volo, sono numerose: le politiche di prezzi della compagnia, la destinazione, il periodo del viaggio, l’affollamento del volo, la concorrenza sulla tratta sono solo alcune delle voci che possono far fluttuare il costo del volo.

Ma se non è matematicamente possibile stabilire il giorno esatto nel quale fare l’acquisto più conveniente, la statistica ci può dare una mano per aiutarci a capire l’andamento dei prezzi nel tempo e quindi a fare una scelta migliore.

Prima di tutto scordiamoci i last minut. Non è più il tempo dei last minute: gli aerei normalmente viaggiano pieni o quasi quindi le compagnie non hanno nessun interesse a scontare le tariffe gli ultimi giorni. Certo se state prenotando un volo per le spiagge della Grecia in pieno inverno con le temperature che scendono sottozero, forse ( sottolineo forse) la compagnia si ritroverà con l’aereo mezzo vuoto e cercherà di invogliare i viaggiatori con offerte stracciate poco prima del volo ma se state prenotando Ibiza per Agosto scordatevi i last minute.

Intanto decidiamo il giorno della settimana in cui fare gli acquisti: secondo il sito americano CheapAir.com i giorni migliori per gli acquisti sono il martedì e il mercoledì mentre per volare i giorni migliori sono il martedì, il mercoledì ed il sabato. La domenica è solitamente il giorno con le tariffe più care.

La BBC, riportando vari studi, indica il martedì pomeriggio come giornata per le prenotazioni mentre da evitare le prenotazioni nel fine settimana dove sono molti i viaggiatori in concorrenza ed il volo dovrebbe essere prenotato con almeno 21 giorni di anticipo.

Sono state analizzate da varie fonti anche le variazione dei prezzi dal momento della messa in vendita del volo ( generalmente 11 mesi prima della partenza) fino al giorno del volo.

Naturalmente le statistiche sono state calcolate su decine di migliaia di voli, quindi le fluttuazioni giornaliere del singolo volo sono state compensate ed annullate, però tenete sempre presente che in un volo le variazioni tariffarie, a volte notevoli anche tra un giorno e l’altro, possono superare la cifra di 120, cioè, in media, almeno una variazione ogni 3 giorni nel periodo nel quale il volo è stato in vendita.

Per quanto riguarda i voli nazionali americani,   CheapAir.com indica che fino a circa 7 mesi dal volo non ci sono grosse variazioni di prezzo. A partire dai 7 mesi i prezzi cominciano a diminuire fino a circa 3 settimane dal volo, da questo momento i prezzi cominciano a rialzarsi. In pratica il periodo migliore per acquistare dovrebbe essere tra le 3 settimane e i 3 mesi dalla partenza.

Secondo uno studio di Skyscanner, relativo proprio all’Italia, per i voli nazionali l’acquisto migliore si ha 5 settimane prima del volo mentre per gli internazionali le tariffe migliori si trovano con 21 – 23 settimane di anticipo. In particolare in Europa viaggiando a Novembre e prenotando 23 settimane prima si può risparmiare fino al 24%; in Nord America viaggiando a Febbraio e prenotando 22 settimane prima si può risparmiare fino al 21%; in Centro America viaggiando a Maggio e prenotando 21 settimane prima si può risparmiare fino al 15%; in Asia viaggiando a Maggio-Giugno e prenotando 23 settimane prima si può risparmiare fino al 20%.

Skyscanner ha realizzato anche una specie di comparatore che per alcune destinazioni da i mesi con i prezzi più bassi ed una indicazione di quando prenotare.

Uno studio di alcuni ricercatori pubblicato sul sito della Royal Economic Society, invece, ha stabilito che con la Ryanair il prezzo migliore si ha 10 giorni prima della partenza. Tra l’altro sembra, sempre dalla stessa ricerca, che con questa compagnia sia conveniente prenotare voli singoli anche se viaggiate in più persone. Infatti se, per esempio, è rimasto un solo posto alla tariffa 50€ e gli altri sono alla tariffa 70€ , prenotando insieme due posti il sistema li prezzerà entrambi a 70€.

Altre indicazioni che possono far risparmiare sono quelle di valutare i voli per aeroporti vicini alla vostra destinazione; di cercare voli con orari scomodi che solitamente sono meno appetibili e quindi meno cari; voli con scalo intermedio anche questi di solito meno ricercati dei voli diretti; provare a simulare l’acquisto separato dell’andata e del ritorno con compagnie diverse; controllare le tariffe del giorno precedente o successivo al vostro volo, a volte rimanere un giorno in più può portare grossi risparmi; simulare una prenotazione con un numero diverso di persone fino al massimo che il sistema vi permette ( solitamente fino a 6 o 9 persone ma con Ryanair anche 25); se il prezzo per persona non cambia significa che con quella tariffa ci sono ancora molti posti, nel caso contrario è probabile che in pochi giorni il prezzo salga.

Naturalmente, vi ricordiamo che stiamo sempre parlando di dati statistici quindi la strategia migliore rimane sempre quella di monitorare con assiduità i voli che vi interessano, in particolare nei periodi migliori che vi abbiamo indicato in modo da avere una ragionevole conoscenza dell’andamento del costo del volo ed acquistarlo appena avete trovato una tariffa che vi soddisfa.

Probabilmente non centrerete la tariffa minore al 100% ma ci sarete di sicuro andati vicini ed avrete, comunque, fatto un buon affare. Non ci resta che augurarvi un buon viaggio

Whale watching in Brasile

La presenza della balena franca australe (Eubalaena Australis) e della megattera (Megaptera Novaeangliae) attira un numero crescente di turisti lungo il litorale brasiliano.

Praia do Rosa, nello stato di Santa Catarina, Morro do Sao Paulo, Caravelas e Prado, nello stato di Bahia, sono le basi di partenza per un incontro ravvicinato con le balene, ma anche località turistiche dove trascorrere una vacanza indimenticabile tra natura, divertimento e il calore dell’ospitalità brasiliana.

Praia do Rosa: balene, natura e divertimento

Praia do Rosa, con le sue spiagge di sabbia fine, si trova nella regione di Garopaba, 90 km a sud di Florianópolis, capitale dello stato brasiliano di Santa Caterina.

Negli ultimi anni, la destinazione è diventata una meta turistica di fama internazionale con alberghi, resort turistici, ristoranti e numerosi locali per la vita notturna.

La spiaggia è divisa in tre aree. La parte meridionale ospita alberghi, pousadas e chioschi. Al centro si trova un laghetto, luogo ideale per le famiglie per le sue acque tranquille. La parte settentrionale, esposta ai venti e alle correnti oceaniche più forti, è il paradiso dei surfisti, tanto da essere tappa del campionato mondiale di surf WTC.

Praia do Rosa è situata all’interno di un’area protetta, istituita nel 2000 per contribuire alla salvaguardia della balena franca australe. Il momento migliore per il whale watching è dalla seconda metà di agosto ai primi di ottobre, quando si raggiunge il picco di avvistamenti. Tuttavia, è possibile vedere questi giganteshi animali da giugno a novembre.

Morro de Sao Paulo: 100% natura

Morro de Sao Paulo è situata sull’isolotto di Tinharé (Stato Bahia) e circondata da una barriera corallina. La natura è la protagonista indiscussa, con alcune spiagge accessibili solo a piedi, il mare cristallino e la lussureggiante foresta tropicale. Il tutto con eccellenti strutture per i turisti.

Dal Morro de Sao Paulo è possibile arrivare in barca al santuario delle balene che si trova tra la costa di Bahia e l’arcipelago delle Abrolhos.

Si può raggiungere Tinharé da Salvador tramite un servizio aerotaxi o a bordo di catamarani, barche tipiche della regione, alimentati a vela o a motore.

Prado, Caravelas e le isole Abrolhos: angoli di paradiso

Le città di Prado e Caravelas, sulla costa meridionale dello Stato di Bahia, nota anche come la Costa della Balena, sono la porta di accesso al santuario dei cetacei e della biodiversità, il Parco Nazionale Marino delle isole Abrolhos.

Da giugno a novembre è possibile usufruire dei tour di osservazione in barca per ammirare il gruppo di megattere che ha scelto l’Atlantico meridionale, di fronte al nordest brasiliano, per riprodursi e come nursery per i loro piccoli. L’incontro emozionante con questi giganti marini non è, tuttavia, l’unica attrazione turistica della zona.

La barriera corallina intorno alle isolette disabitate, formando il minuscolo arcipelago delle Abrolhos, è un paradiso per il diving e lo snorkeling, grazie alla favorevole combinazione tra acque limpidissime e vita sottomarina, favorita dalle rigide regole di conservazione del Parco Marino.

Oltre al centro storico e alla cucina a base di frutti di mare, la città di Prado può contare sulla bellezza della costa che dal centro della città si estende per oltre 40 km, alternando lunghe spiagge semideserte protette dalla barriera corallina, lagune ombreggiate dalla Mata Atlantica e calette.

Caravelas ha meritato il titolo di “Principessa delle Abrolhos” per il suo charme discreto, la tranquillità delle sue strade e la cordialità dei suoi abitanti. A differenza di Prato, Caravelas non dispone di spiagge urbane, ma nelle vicinanze si trovano le spiagge di Kitongo, Grauçá e Iemanjá.

Per maggiori informazioni sul Brasile si prega di visitare il sito www.visitbrasil.com

Milano 8 luglio 2013 – Comunicato stampa Embratur / Aida Partners Ogilvy PR – (Noemi Rivalta)

Low cost in Irlanda con Air Lingus

Vuoi andare in vacanza in Irlanda quest’estate? Allora preparati a rimarere incantato dai magnifici panorami di questa isola verde e dalla calda accoglienza del popolo irlandese! Dublino, Titanic Belfast, la Giant’s Causeway, la Rock of Cashel sono solo alcune delle attrazioni che ti stanno aspettando e poi, il 2013 è l’anno del Gathering Ireland e tutti i giorni ci saranno feste, concerti e manifestazioni per celebrare il paese ed i suoi abitanti.

Se ancora non siete convinti di partire, l’offerta di Air Lingus, la compagia di bandiera irlandese, cancellerà i vostri dubbi. Per i viaggi effettuati tra il 1 Aprile e il 23 ottobre 2013, tutti i giorni e su tutte le classi, sconti fino al 25%! Air lingus collega Dublino con Bologna, Venezia, Verona, Catania, Milano, Napoli e Roma ma attenzione i voli devono essere acquistati entro il 21 marzo 2013.

Maggiori dettagli sull’offerta e per prenotare il volo potete andare sul sito in italiano di Air Lingus.

Per organizzare il viaggio vi consigliamo di consultare la guida Irlanda della Lonely Planet

British Airways: offerta speciale per il nuovo A380

Da oggi è possibile acquistare i biglietti per i voli per  Los Angeles effettuati con il nuovo Airbus A380 di British Airways.  Il volo inaugurale lungo la “Red Carpet Route” è previsto per il 15 ottobre 2013 e,  BA A380 © Msl Italia / British Airwaysper questo evento, la compagnia aerea lancia un’offerta speciale per la famosa città della California con tariffe A/R a partire da 611€ in World Traveller (economy) e da 1.011€ in World Traveller Plus (premium economy.)
Dal 15 novembre 2013 partirà, poi, la seconda rotto servita dall’A380, la Londra – Hong Kong.  Anche per questo volo le prenotazioni dei posti sono già aperte con tariffe A/R a partire da 583€.

L’A380, il più grande della flotta British Airways, sarà in grado di ospitare 469 passeggeri in quattro cabine. I quattordici passeggeri di First saranno situati di fronte al ponte principale mentre ai passeggeri in Club World (business class) saranno riservati 44 posti del ponte principale e 53 del ponte superiore. I 55 posti World Traveller Plus (premium economy) saranno posizionati sul ponte superiore mentre i 303 passeggeri World Traveller (economy) potranno scegliere i loro posti sia sul ponte principale sia su quello superiore. Le cabine di economy e premium economy manterranno l’attuale configurazione di posti già operativa sui Boeing 777-300ER.

Per chi fosse interessato a sapere di più sul nuovo aereo, sul sito British Airways sono disponibili altre informazioni e immagini e un cortometraggio in grado di proiettare in anteprima tutti i passeggeri all’interno dell’avveniristico A380.

Finito il monopolio Alitalia su Linate: ora si vola Easy Jet

Dal prossimo 25 marzo finirà il monopolio che assegnava in esclusiva all’Alitalia i collegamenti tra Roma Fiumicino e Milano Linate.
Easy Jet, il famoso vettore low cost, ha acquisito alcuni slot nell’aeroporto milanese precedentemente assegnati ad Alitalia ed effettuera fino a 5 collegamenti giornalieri tra Linate e l’aeroporto della Capitale.
La fine del monopolio era stato stabilito già da diverso tempo dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che, con una successiva indagine, ha individuato Easy jet come la compagnia più idonea ad effetuare una efficace concorrenza sulla tratta.
I voli Easy jet sono già prenotabili ed il costo per singola tratta parte da 29.75€.
Il primo volo della mattina è attorno 7:00, l’ultimo della sera tra le 21:00 e le 21:30.
Continuano, naturalmnte, i collegamenti di Easy Jet tra Fiumicino e Milano Malpensa.
Tempi duri per l’Alitalia che aveva nella rotta Roma-Milano uno dei suoi migliori business; prima la concorrenza di Trenitalia, che con la Freccia Rossa garantisce collegamenti comodi e veloci, ed ora quella di Easy Jet. Ma per i viaggiatori dovrebbero essere solo vantaggi: una scelta più ampia di orari e tariffe più basse.

USA: Capodanno a rischio maltempo

Il maltempo che ha rovinato le feste di Natale in gran parte degli stati del Sud e Sud-Est degli USA non dà cenni di tregua. Finora sono almeno 7 i morti e oltre 200.000 le persone  senza corrente elettrica in Arkansas, Mississippi e Texas. La città di Mobile, in Alabama, è rimasta per molte ore completamente isolata a causa dei venti e delle piogge torrenziali. E diversi altri stati hanno dichiarato l’emergenza.

Dopo le forti nevicate in Michigan, Ohio e Indiana le previsioni per i prossimi giorni segnalano la possibilità di quasi mezzo metro di neve lungo l’area orientale del paese tra lo stato del Maine e quello di New York e nell’area dei grandi laghi, mentre più a Sud sono previsti forti temporali e tornado.

Questa situazione meteorologica ha naturalmente creato moltissimi problemi tra coloro che si stavano spostando in occasione delle festività e i disagi non sono ancora finiti. Chi si sta spostando in auto ha trovato molte strade ingombre di neve oppure ghiacciate, mentre i treni sono stati presi d’assalto dai passeggeri degli oltre 2000 voli cancellati. Numerosi aeroporti, inoltre, sono nel caos più totale e, per chi riesce a partire, il rispetto degli orari è solo una chimera. Gravi disagi sono segnalati in particolare negli scali aerei di Dallas e di Chicago ma, con lo spostarsi della perturbazione, anche quelli di New York e Washington sono ritenuti ad alto rischio. Per il momento, comunque, sia dall’aeroporto di Roma Fiumicino che da quello di Milano Malpensa non vengono segnalate cancellazioni dei voli per gli USA. L’evoluzione della situazione è ancora incerta ma non è difficile immaginare che non ci saranno grossi miglioramenti nei prossimi giorni. Dopo il Natale, anche il Capodanno potrebbe essere a rischio.

Prendi al volo l’Epifania

Se tra Natale e Capodanno pensavate di partire con un last minute ma non avete trovato l’offerta giusta, se la vacanza costava troppo, se i posti sui voli economici erano tutti presi, se la profezia maya vi ha confuso le idee, non disperate. Meglio partire a cavallo dell’Epifania, si spende meno e si viaggia meglio.

Molte compagnie aeree hanno già lanciato interessanti promozioni. Lufthansa è una di queste. Ma passiamo subito ai numeri, senza troppe chiacchiere: queste sono alcune tariffe di andata e ritorno, tasse e supplementi compresi.
Dubai da 419 €
Boston da 489 €
Pechino / Beijing da 549 €
Los Angeles da 649 €
Toronto da 549 €
Rio de Janeiro da 649 €
E poi c’è Miami da 499 €, Buenos Aires da 749 €, Città del Messico da 699 e tante altre destinazioni vicine e lontane.

Le prenotazioni on line per aggiudicarsi un volo Lufthansa a tariffe speciali sono aperte dal 20 dicembre 2012 al 2 gennaio 2013. L’offerta è valida per le partenze tra il 5 gennaio e il 31 maggio 2013.

C’è anche un motivo in più per scegliere Lufthansa. Fino al 31 dicembre 2012 la compagnia di bandiera tedesca offre uno sconto di 20 euro sui voli per oltre 180 destinazioni nel mondo effettuati fino al 31 marzo.

Infine fino al 24 dicembre è possibile partecipare al concorso Lufthansa – Esprima un desiderio con in palio biglietti aerei,  miglia e tanti altri regali.

Problemi da fuso orario? Bastano un paio di occhiali hi tech

Prima o poi capita a tutti dopo un viaggio intercontinentale. Alle tre di notte sei sveglio e hai voglia di fare colazione, di muoverti, di cominciare la giornata, ma non puoi perchè fuori è notte fonda e tutti dormono. Oppure sono le cinque del pomeriggio e crolli di sonno, non vorresti ma devi dormire.
Colpa della differenza di fuso orario. Quando si viaggia verso ovest “si guadagnano” ore, quindi siamo costretti a vivere una giornata più lunga, se andiamo verso est le ore “si perdono” ma la reazione è la stessa, ci sentiamo uno straccio. Si chiama jet lag ed è uno spostamento di fase, una desincronizzazione dei nostri ritmi.

La buona notizia per chi viaggia molto e va lontano è che questo effetto collaterale avverso potrebbe presto diventare un lontano ricordo. A rimettere in ordine il nostro orologio biologico ci pensa un paio di semplici occhiali.
Re-timer -  occhiale anti jet lag - © Re-timerIl Re-Timer, così si chiama l’arma contro il jet lag, non è l’ennesimo gadget ma un vero e proprio ritrovato tecnologico, frutto di anni di ricerche alla Flinder, un centro universitario australiano in cui si studiano i meccanismi del sonno e della veglia.

Funziona così. Gli occhiali, una volta indossati, emettono un debole fascio di luce a lunghezze d’onda tali da stimolare i fotorecettori della retina. Queste cellule sono collegate attraverso i nervi ottici alla regione del cervello deputata alla regolazione dei ritmi circadiani cioè di quelle attività ritmiche giornaliere (dal latino circa dies) legate ai periodi di attività e di riposo e a diverse funzioni metaboliche.
Lo stimolo luminoso che attraversa la retina agisce direttamente sul quel centro neurochimico che chiamiamo orologio biologico e lo resetta. Insomma gli occhiali Re-Timer sfruttano un fascio di luce controllata per simulare la luce solare e ingannare il cervello. O quanto meno, cercano di educarlo ad adattarsi senza fatica al nuovo ritmo.

Naturalmente gli occhiali devono essere usati al mattino o alla sera, a seconda che si viaggi verso est o verso ovest. Se indossati appena svegli al mattino sposteranno in avanti il nostro orologio interno così come possono ritardarlo se usati alla sera prima di coricarsi.
Gli occhiali vanno tenuti per 50 minuti al giorno per alcuni giorni e non impediscono di compiere tutte le normali attività, a casa o al lavoro.
Indossabile, pratico e ricaricabile. Il Re-Timer ha un solo difetto, per adesso costa circa 200 euro. Ma se funziona…